SIREN - The Row (Red Cat Records, 2015)

Scritto da  Giovedì, 12 Marzo 2015 

Un blindato che avanza inesorabile e senza freno i Siren, gruppo pesarese nato nel gennaio 2013 e che esordisce con il primo album "The Row".

Genere: Rock
Voto: 8/10


Parliamo dei Siren, gruppo pesarese nato nel gennaio 2013 da un'idea di Jack Nardini (chitarra solista e cori). Jack ha avuto la brillante idea di chiamare alla sua corte vecchi amici d'infanzia, come Samuel Frondero (prima voce e chitarra) e di scuola superiore come Marcus Kawaka (basso, seconda voce e synth) e Mark "Spud" McKenzie (batteria e percussioni). Tra l'altro Jack e Samuel, in passato ed in occasioni diverse, avevano già collaborato a vari progetti musicali. Durante tutto l'anno il gruppo, con idee ben chiare sulla strada da percorrere, lavora duramente al suo futuro tanto da dare forma e vita al primo album. Ecco nascere "The Row", scritto, composto e arrangiato interamente dalla stessa band.

Se posso azzardare un paragone, definirei questo album un vero e proprio tank, ovvero, un blindato armato di 11 brani dalla detonazione devastante, 11 proiettili che sfondano la corazza del nostro udito e s'impadroniscono del nostro corpo lasciando scorrere, al posto del sangue, pura adrenalina! Questo mezzo esce dal suo quartier generale sotto etichetta Red Cat Records. "The Row" è, come detto, il primo lavoro dei Siren e se è vero che ai debutti si deve perdonare una certa dose di inesperienza, questo non è certo il nostro caso e lo dico dopo aver ascoltato a più riprese il loro prodotto e dopo aver valutato molte altre recensioni riguardanti la band. Non credo che il web abbia dato giusto credito e vanto a questi quattro samurai del rock!

L'intero complesso architettonico dell'album lo si può carpire già dall'intro, "Swan's Tale", tremendamente atmosferica grazie anche ad un arpeggio evocativo su cui si dispiega il cantato di Frondero, il quale lascia poi spazio alla voce suadente di Zeinab, ospite d'eccellenza. Questo figlio del rock, del punk, del britpop, rivela una tecnica ed una maturità per certi versi impressionanti. In brani come "Dr.Saint", "Lonely Dance", "Love is Gone" o ancora "Carpet", trovo alti richiami melodici a gruppi del calibro di Offspring, Foo Fighters, Queens Of The Stone Age e White Stripes. Ma... ma... i paragoni sono semplici paragoni e io sto parlando di un'altra realtà, una tutta italiana che, ne sono certo, porterà alta la nostra bandiera anche all'estero.

"The Row" letteralmente significa la fila; un termine che molto bene rappresenta la società moderna in cui tutti noi attendiamo lungo la corrente il nostro turno, che a volte non arriva mai, ritrovandoci ad aver sprecato la nostra vita in coda. Questo disco, anche a detta della stessa band, vuole fungere un po' da atto provocatorio, da esortazione, ogni tanto, ad “uscire dal gruppo” come il buon Frusciante, a sbandare ed errare, da uomini quali siamo. Non abbiamo timore nel voler far parte del tutto, del caos! Siamo perfetti proprio perché imperfetti!

L'estroversione stessa della band è una prima caratteristica di unicità, in quanto sembra ricalcare musicalità e melodie già sentite ma in realtà le trasforma e plasma a proprio piacimento. Ogni scarica elettrica che Marcus (attraverso basso e guitar) ci scaglia contro, ogni graffio di vocal regalatoci da Samuel, ogni colpo di cassa che "Spud" crea dal cilindro magico, ogni cambio di ritmica (e che cambi!), stravolge la concezione di rock e ci trascina giù da quel divano così sporco ed impolverato per saltare e saltare ancora. Non poghereste voi le pareti di casa sulle note di "Lonely Dance" fino a far crollare l'intero edificio? Possiamo paragonare i Siren a tutti i gruppi che vogliamo ma io ho sentito, nel cuore, nelle vene, nelle gambe, qualcosa di ben diverso, qualcosa di unico, qualcosa di trascinante. Sì, non sbaglio nel definire questa compagine un blindato che avanza inesorabile e senza freno, con i suoi cingolati che lasciano sull'asfalto note di fuoco!


TRACKLIST:
01. Swan’s Tale
02. Dr. Saint
03. Mission
04. Lonely Dance
05. Track ’92
06. Love Is Gone
07. Wave
08. Roger Sabbath
09. Carpet
10. Spit
11. Falling Down


SIREN sono:
- Samuel Frondero: voce, chitarra
- Jack Nardini: chitarra, voce
- Marcus Kawaka: basso, voce, synth
- Mark “Spud” Mckenzie: batteria


Articolo di: B-Traxx aka Dj Seep
Grazie a: Blob agency
Sul web: facebook.com/pages/SIREN/725372717482826

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP