SIMONA MOLINARI - Tua (Warner Music Italy, 2011)

Scritto da  Domenica, 22 Gennaio 2012 

SIMONA MOLINARI - TuaTerzo album per Simona Molinari (crooner jazzista abruzzese) la quale, avvalendosi di prestigiose collaborazioni, da origine ad un lavoro di qualità e, soprattutto, di stampo internazionale.

 

 

 

 

Genere: jazz, swing

Voto: 9/10

Ascolta anche: Nina Zilli

 

Se Simona Molinari si presentava al Festival di Sanremo 2009 con “Egocentrica” (title-track del suo primo lavoro), giunta al suo terzo album rivede la sua tesi proponendo “Tua”: un lavoro intimista, descrittivo, ma, soprattutto, di fruibilità internazionale rispetto ai precedenti.

Attraverso undici tracce, Simona indaga se stessa e il mondo che le è intorno il quale, principalmente, è permeato da tutte le forme dell’amore: per la patria (“Povera piccola Italia” e “Tra la lotta e la resa”), per la vita (“Stringimi più forte”) e per la verità (“Verità” e “Donna di plastica”; intesa come il mostrarsi realmente per ciò che si è).

Questi i tre sostantivi che maggiormente definiscono l’album della Molinari, uniti ai nomi di Peter Cincotti (famoso pianista jazz americano; l’autore di “Goodbye Philadelphia”, famoso brano del 2007), Danny Diaz (leader dei Checkmates; nota rock band di Hong Kong) o Dado Moroni (uno dei più famosi pianisti jazz esistenti) i quali hanno collaborato affinché a “Tua” fosse collegato anche l’aggettivo “internazionale”.

Ciò lo si deduce dall’impronta musicale dell’album la quale s’imposta sul jazz puro  e semplice (“In cerca di te”) passando poi per lo swing (definibile, nel caso di “Forse”, come Electroswing: un mix di chitarra acustica e ritmica di bassi pre-impostata con un sintetizzatore) fino, inaspettatamente, alle ballade pop (“Lettera”; brano incantevole su una lettera scritta da un uomo, prima di andarsene di casa, alla sua donna la quale si sente soffocata dalla loro relazione) aggiungendo, infine, due cover (“Tua” e “Maruzzella”: il primo di Jula De Palma; il secondo è un canto tradizionale di Napoli, città natale di Simona).

Questo mix di elementi (apparentemente scontato) origina brani sempre in equilibrio tra qualità commerciale e stilistica, ma, inaspettatamente, lontani dall’esibizionismo tecnicista del jazz. Ciò ne determina, quindi, l’incredibile fruibilità del disco.

Con “Tua” Simona Molinari fa nuovamente centro nel configurarsi come figura unica nel panorama delle crooner italiane.

 

 

 

TRACKLIST

1. In cerca di te (feat. Peter Cincotti)

2. La donna di plastica

3. Lettera (feat. Peter Cincotti)

4. Forse (feat. Danny Diaz)

5. La verità

6. Tua

7. Maruzzella

8. Stringimi più forte

9. Always watching you

10. Tra la lotta e la resa

11. Povera piccola Italia (feat. Dado Moroni e Danny Diaz)

 

Articolo di: Simone Vairo

Grazie a: Ufficio Stampa Parole & Dintorni

Sul web: www.simonamolinari.it - www.warnermusic.it

 

TOP