SAVE THE POLAR BEARS - Save the Polar Bears EP (Autoproduzione, 2008)

Scritto da  Ilario Pisanu Lunedì, 26 Maggio 2008 

Sonorità Pop Rock che si incastrano perfettamente con quel Pop dal sapore Brit, caratterizzato da una particolarissima voce (Dio quanto assomiglia a quella di Robert Smith!) e da sinth sempre pronti a graffiare.

 

Genere: Pop Rock/Pop

Voto: 8/10

Ascolta anche: The Cure

 

Un giorno di settembre 2 ragazzi di nome Elettrolarry e Mr lando, decisero che era il momento di fondare un gruppo che avrebbe avuto come obbiettivo la creazione di una band rock originale ispirata alle sonorità brit.

Questo è il “c’era una volta” dei Save The Polar Bears, band di Prato che propone un interessantissimo EP di tre brani.

Sonorità Pop Rock che si incastrano perfettamente con quel Pop dal sapore Brit, caratterizzato da una particolarissima voce (Dio quanto assomiglia a quella di Robert Smith!) e da sinth sempre pronti a graffiare.

“No Television” è il perfetto intro: spedito, diretto, in bilico tra la new wave e il Pop: basta un secondo per innamorarsi di questo brano: “Show me the light/ Show me the way”.

“A Young Man in the Train” (del quale vi propongo il video in calce) è un brano scanzonato, dove i sinth si incrocia con la voce in falsetto di Marco Lippini. Meravigliosa!

Terzo e ultimo brano è “Visa”, accattivante e ironica.

I Save The Polar Bears dimostrano in soli tre pezzi di saperci fare veramente. Aspetto fiducioso un lavoro più corposo.

Hanno provato a fare del loro meglio. E ci sono riusciti in pieno.

 

 

 

TRACKLIST

1. No Television

2. A Young Man in the Train

3. Visa

 

Video A Young Man in the Train

 

 

SAVE THE POLAR BEARS sono:

Marco Lippini (Pimperi): vocal, rythm guitar

Luca Landi (Mr Lando): lead guitar

Lorenzo Cantini (Larry): sinth, sunglasses

Niccolò Capobianco (Nick): bass

Danilo Scucci (Marra) (King Of Ska): drums

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: Save the Polar Bears

Sul web: MySpace

 

TOP