SACRI CUORI - Delone (Glitterbeat Records, 2015)

Scritto da  Martedì, 07 Luglio 2015 

"Delone" dei Sacri Cuori è un susseguirsi ininterrotto di atmosfere sensuali e melodie che accompagnano delicatamente le nostre sensazioni fino al cuore

Genere: Colonna sonora
Voto: 7,8/10


Sulla scia del recupero delle gioie (e delle mode) del passato, l'operazione malinconia continua per nostro godimento grazie ai Sacri Cuori e alla loro molto gradita opera: "Delone". Con un nome così, con un tale riferimento immediato alla bellezza, allo stile, al glamour e ad uno dei miei attori preferiti, non poteva che trattarsi di un album di alto livello.

"Delone" è un susseguirsi ininterrotto di atmosfere sensuali e melodie che invitano alla copula, mentre le tracce emulano le lezioni e gli incanti dei grandi compositori del passato come Umiliani e Piccioni, tanto per citarne alcuni. Siamo dentro ad un film ma, non essendoci le immagini, possiamo essere dentro qualunque opera cinematografica senza imperativi cognitivi "visual" (tanto non serve: questi il cinema ce l'hanno "in testa").

Questa neutralità o, meglio universalità, è ottenuta con morbidezza e abbandono, con storie musicali che non vogliono mai imporsi ma accompagnano delicatamente le nostre sensazioni fino al cuore. Bella, intensa la voce femminile di Carla Lippis, morriconiano e divertente il fischio di Denis Valentini, sofisticata e profonda la chitarra (stile Richard Hawley) di Antonio Gramentieri che governa su tutto, mentre aggiunge sostanza al tessuto sonoro.

Ascoltandoli, la suggestione è quasi obbligatoria; l'attenzione verso le composizioni è astutamente amplificata dagli inserti vocali che sembrano segmenti sonori rubati ad altri film, e riconoscere grandezza ai Sacri Cuori è d'obbligo ben prima di arrivare alla imperdibile: "Dirsi addio a Roma", là dove la chitarra si scioglie in un'atmosfera hawaiana e il coretto femminile ci afferra i polsi, ci fa trovare l'interruttore, poi spegniamo l'abat jour, l'eleganza ci avvolge e ci sdraiamo nel buio accanto al mistero del piacere audio-indotto.


TRACKLIST:
01. Bendigo
02. Una danza
03. La marabina
04. Snake charmer
05. Delone
06. Billy Strange
07. Portami via
08. Seuls ensemble
09. Madalena
10. Dancing (on the other side of town)
11. Cagliostro blues
12. Serge
13. El comisario
14. Dirsi addio a Roma


SACRI CUORI sono:
- Antonio Gramentieri: chitarre, piano, voce, cori
- Francesco Giampaoli: basso, contrabbasso, vibrafono, percussioni, tastiere, voce, cori
- Diego Sapignoli: batteria, percussioni, voce, guiro
- Christian Ravaglioli: tastiere, clarinetto, sassofoni, corno inglese

Hanno suonato:
- Francesco Valtieri: sassofoni, fischio, cori
 -Denis Valentini: percussioni, cembalo, voci, cori
- Enrico Bocchini: batteria, tastiere, percussioni
- Carla Lippis: voce
- Enrico Farnedi: tromba
- Francesco Bucci: trombone
- Francesco Naddei: synth
- Marco Bovi: chitarre, banjo
- Eloisa Atti: voci, violino
- Riccardo Lolli: voci, piano
- Howe Gelb: voce, chitarre
- Steve Shelley: batteria
- Marc Ribot: chitarre
- Evan Lurie: piano
- Tim Trevor Briscoe: clarinetto
- Adam Gladyszek: voce
- Caterina Arniani: voce
- Michelangelo Russo: elettronica
- Nicola Peruch: tastiere, piano
- Elena Majoni: violino
- Emmanuelle Sigal: voce
- Giulia Torelli: cori
- Andrea Scardovi: loop, cori
- Hugo Race: chitarre
- Sabrina Laghi: voce
- Sara Ardizzoni: cori
- Silvia Raimondi: cori
- Andrea Pedna: cori
- Jeff: cori
- Enrique Casasola: timbales, guiro
- Gabriel Lopez: tastiere, samples


Articolo di: José Leaci
Grazie a: A Buzz Supreme
Sul web: sacricuori.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP