RAF - Sono io (Universal, 2015)

Scritto da  Venerdì, 17 Luglio 2015 

Amore per la musica, semplicità dell'artista, spettacolo fatto di capacità: tutto questo è "Sono io", il nuovo album di Raf

 

Genere: Pop rock
Voto: 8/10


“Sono io” è l’atteso nuovo album di Raf, annunciato dall’assaggio dell’omonimo singolo  nel tour di primavera. La promessa è stata mantenuta, e a quattro anni di distanza da “Numeri”: ecco sul mercato discografico il lavoro, con la nuova casa discografica Universal Music. Già dal titolo emerge la natura autobiografica, l’atto di coraggio del cantautore foggiano nel distaccarsi dal mondo circostante per guardare dentro e fuori, attraverso la propria persona. Undici brani inediti per un disco importante, la cui lavorazione ha richiesto due anni e un selezione dei brani da incidere, attenta a una tempistica che privilegiasse l’uscita sul mercato prima dell’estate. E su una quindicina di brani alcuni ne sono stati sacrificati per mantenere fede agli impegni con il pubblico. E Sanremo, vuoi per i contrattempi stagionali, vuoi per la preparazione professionale di cui necessita, ha portato via parecchio tempo.

Nato nelle sale di registrazione di Florida e California in Usa e negli studi di Formello a Roma, prodotto e arrangiato dallo stesso Raf, è di suono e afflato internazionale, come si comprese immediatamente al lancio del nuovo lavoro nell’autunno del 2014 con il singolo “Show me the way to heaven” che lo anticipava e riportava alle sue prime hit “Self control” e “I don't want to lose you”. La ricerca e la sperimentazione, negli arrangiamenti con rimandi al miglior repertorio, si è spinta ancora oltre.

Quattro anni fa era importante dar peso a che spesso gli esseri umani sono come “Numeri”, con la mente alle persone che scappano dalle guerre e che, una volta accolte in Italia, vengono trattate in modo molto discutibile. “E' un problema che riguarda non solo l'Italia, come si vuole far pensare, ma tutta l'Europa", dice Raf. E si rischia di diventare egoisti, quando la realta' si scontra con altri mondi e necessità. Oggi il  concept del nuovo progetto e che bisogna fare un passo indietro, tornare alla serenità delle cose semplici, all’amore per ritrovare la fiducia in se stessi e nel prossimo.
 
Scorrendo la tracklist dell’album il messaggio dell’autore spazia dall’amore, alla speranza per superare ogni sorpresa del vivere. E’ importante guardare al passato, all’ingenuità dell’amore sin dal suo sorgere “senza fermarsi un istante a chiedersi del suo domani come sarà”, canta nell’”Eclissi totale”. Nulla potrà fermarci, anche se il mondo brucia, solo se siamo liberi come “Pioggia e vento”; e tutto passa e tutto cambia nella nostra mente, “tranne te”. ”Rimani tu”, il brano trasmesso attualmente dalle radio, questa estate. E se l’amore è uno dei temi  portanti del disco, come non apprezzare il ricordo del caro amico mentore scomparso, Giancarlo Bigazzi nella cover di Massimo Ranieri "Rose rosse".

Ed ecco la speranza “Con le mani su” “fino a toccare il cielo” e “spiccare il volo” oltre la talora distruttiva quotidianità. La musica pop in questo contesto, aiuta a riscoprire la bellezza dell’effimero e della leggerezza, quella degli anni Ottanta. Il brano sanremese è l’inno a trovare la strada davanti a noi, anche di fronte  alle difficoltà,  perché l’amore esiste al di là dei nostri limiti: “Come una favola”  Brano poco compreso dalla giuria degli esperti della kermesse, a causa della performance negativa a causa della bronchite, ha ottenuto discreto successo radiofonico e di classifica.

Ma l’amore, continua nel suo discorso Raf, crea “Arcobaleni” di fronte a una caduta e riesce a soffiare sulle nuvole fino a mandarle via. Il brano che da il titolo all’album riprende i ritmi dance di “Ti pretendo” e “Sei la più bella del mondo” inneggia a non curarsi di cosa dicono gli altri di noi: "Nothing’s gonna change my world... questo" "Sono io". Infatti Raf, i dischi se li fa tutti da sè e, a parte qualche collaborazione, suona tutto, dagli strumenti elettronici allo xilofono sperimentale in “Io ti vivo”. Descrive come la corsa verso la propria metà, anche quando non c’è, è un modo si sentirsi vivo. “E' l’alba che verrà la forza che mi dà”.

Echi internazionali a sintetizzare la voglia di ricercare il paradiso anche nelle difficoltà della vita, di tutti i giorni e del mondo in “Show me the way to heaven”. La partecipazione della moglie Gabriella Labate alla stesura del testo, ispira ad aprire l’ultimo brano dell’album “Amore sospeso” con un riff al sintetizzatore che potrebbe suonare familiare. Dodici note secche, precise e puntuali che riportano a "Madame", uno dei successi senza tempi di Renato Zero, e all’LP cult che lo include "Trapezio" del 1976: è un inconsapevole richiamo ad un grande amico; la preoccupazione per l’inatteso e l’istinto di trasformarsi in Icaro per volare sopra l’inconscio di cosa l’amore ci regalerà.

E se l'attitudine a cantare in inglese è così forte da non resistere alla tentazione, Raf scrive la musica, i testi in un inglese maccheronico ed ecco l’italiano. Il nuovo disco è nato così: come grido di speranza ed è poi diventato un lavoro intimista, che parla in prima persona dell’autore pugliese e ci da modo di conoscerlo meglio di quanto le sue canzoni in genere prima abbiano permesso. La presentazione del lavoro “Sono io” prevede anche gli store: 30 giugno, Bologna (Feltrinelli di Piazza Ravegnana); 1 luglio, Firenze (Mondadori di Via de’ Ginori, 19); 2 luglio, Roma (Discoteca Laziale, in Via Mamiani 26); 3 luglio, Napoli (Feltrinelli di Piazza dei Martiri).


TRACKLIST:
01. Come Una Favola
02. Rimani Tu
03. Con Le Mani Su
04. Arcobaleni
05. Sono Io
06. Io Ti Vivo
07. Show Me The Way To Heaven
08. Amore Sospeso
09. Eclissi Totale
10. Pioggia E Vento
11. Rose Rosse


Articolo di: Massimo Tucci
Grazie a: Raf
Sul web: leragionidelcuore.it - facebook.com/ilsuonoce

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP