PREMIATA FORNERIA MARCONI - Amico Faber (Aereostella, 2011)

Scritto da  Domenica, 24 Aprile 2011 

PREMIATA FORNERIA MARCONI - Amico FaberIl 18 febbraio Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto settantuno anni la PFM lo ricorda con un cofanetto che porta il titolo di “Amico Faber”. All’interno, il cd+dvd “PFM canta De Andrè” e l’ultimo disco della Premiata “A.D. 2010 La Buona novella”.

 

 

Genere: Progressive Rock & Cantautorato

Voto: 9/10

Ascolta anche: Faber

 

Il 18 febbraio Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto settantuno anni; la PFM (Premiata Forneria Marconi) lo ricorda con un cofanetto davvero ben fatto che porta il titolo di “Amico Faber”. All’interno, custodito da una semplice ma elegante confezione, il cd+dvd “PFM canta De Andrè” l’ultimo disco della Premiata “A.D. 2010 La Buona novella” rifacimento del disco del 1970.

Aldilà dell’occasione celebrativa, il cofanetto offre la possibilità di apprezzare quello che la Premiata svolge ormai da anni, in giro per i palchi d’Italia: le canzoni di Faber sono vive più che mai, i loro arrangiamenti mai scontati e sempre vivi rilasciano sempre le stesse emozioni anche a distanza di trent’anni.

Era il 1979 quando Faber e la PFM scrissero una pagina indelebile della storia musicale italiana: il cantautorato che incontrava il progressive rock, la lezione avrebbe forgiato entrambi in maniera indissolubile e tanti, forse troppi, in seguito avrebbero rifatto il verso all’operazione.

In “PFM canta De Andrè” possiamo provare a chiudere gli occhi e sognare che da un momento all’altro la voce di Faber venga a farci visita, magari per cantare sulle note splendide di quel mantra che è “Amico fragile”.

Su “A.D. 2010 La buona novella, opera apocrifa” è giusto spendere due parole: la PFM non solo interpreta attualizzando le canzoni del disco del 1970, ma scrive nuove pagine di musica costruendo un tappeto musicale che unisce le dieci tracce del disco; è come se due dischi, due vite, due etnie, due atmosfere si unissero insieme per generare un indissolubile unicum di poesia. 

Ho immaginato più volte cosa sarebbe successo se il disco del 1970, con la voce di Faber, avesse avuto simili virate stilistiche: tutto diventa perfetto, persino le liriche di Fabrizio diventano più eloquenti ed estasianti, il sublime è dietro l’angolo, la perfezione si tocca in diversi momenti, non a casa considero, questo, il miglior disco del 2010.

In giorni come questi ci mancano sempre più le parole di Faber, le sue canzoni e abbiamo costantemente bisogno di reinventarci, di donarci senza freno alle passioni e gli slanci della vita così come la PFM fa da quarant’anni.

A chi continua a bollare l’operato della PFM, nei confronti di Faber, come qualcosa di triste e opportunistico lascio rispondere le parole di Fabrizio stesso.

 

“Io spero proprio che questa con PFM non sia cosa di una sola tournèe. E poi non è detto che debba essere sempre io il protagonista di un disco. Potrebbe benissimo darsi che domani la PFM possa scegliere di usare Fabrizio De Andrè. Potrei tranquillamente rimanermene nella mia tenuta agricola in Sardegna a scrivere per poi riascoltare da altri, che lo interpretano a modo loro, quello che, magari non è la mia musica, ma sono i miei testi.”

Fabrizio De Andrè

 

 

 

PFM CANTA DE ANDRE’

1. Bocca di Rosa

2. La guerra di Piero

3. Un giudice

4. Giugno ‘73

5. Maria nella bottega del falegname

6. Il testamento di Tito

7. Zirichiltaggia

8. Volta la carta

9. La canzone di Marinella

10. Amico fragile

11. Il pescatore

 

A.D. 2010 LA BUONA NOVELLA

1. Universo e terra (preludio)

2. L’infanzia di Maria (incluso “La tentazione”)

3. Il ritorno di Giuseppe (incluso “Il respiro del deserto”)

4. Il sogno di Maria

5. Ave Maria (incluso “Aria per Maria”)

6. Maria bella bottega del falegname (incluso “Rumori di bottega”)

7. Via della croce (incluso “Scintille di pena”)

8. Tre madri (incluso “Canto delle madri”)

9. Il testamento di Tito

10. Laudate nomine (incluso “Ode all’uomo”)

 

PREMIATA FORNERIA MARCONI sono:

Franz Di Cioccio: batteria, percussioni, voce

Franco Mussida: chitarre, voce

Patrick Djivas: basso

Lucio Fabbri: violino, tastiera, chitarra, cori

Gianluca Tagliavini: tastiere, cori

Piero Monterisi: batteria, percussioni

 

Articolo di: Giuseppe Gioia

Grazie a: Alberto Menasci - D&D Concerti

Sul web: www.pfmpfm.it  - www.myspace.com/premiataforneriamarconi

 

TOP