MAKAKO JUMP - Lasciate la mancia al portapizze (Maninalto!, 2008)

Scritto da  Ilario Pisanu Sabato, 21 Giugno 2008 

Ospiti illustri impreziosiscono il nuovo disco della band triestina. Un “pop in levare” che coniuga divertimento e impegno. Alla faccia dei co.co.co.pro.

 

 

Genere: Ska/Reggae/Pop

Voto: 8/10

Ascolta anche: Africa Unite

 

I Makako Jump sono un party band in levare di Trieste. La band dal 2005 ha collezionato una serie corposa di concerti (circa 400!), portando in giro la propria musica sia in Italia che a livello internazionale. Inoltre i Makako Jump hanno aperto i concerti di band come Vallanzaska, Ska-J, Arpioni, Giuliano Palma e Africa Unite.

Con queste credenziali non è difficile capire che “Lasciate la mancia al portapizze” è un lavoro davvero strabiliante e variopinto, che coniuga divertimento e impegno.

15 brani che mostrano la maturità della band, che dopo il successo di “Mi Queso es tu Queso” (caratterizzato da puro ska italiano) vira verso un “pop in levare”: una festa in musica.

Si parte con “Il verso dei Topini”, dove pop e ritmiche ska hanno un punto di fusione perfetto.

Divertentissima e attuale più che mai è “Precario” (con una folle introduzione del comico Sergio Sgrilli): i Makako Jump dipingono in musica lo stato attuale dei precari. Addio Tfr, addio pensione. Non resta che fare il verso della gallina e intonare un co.co.co.pro.

“Attenti all’uomo bianco” feat. Bunna è una perla dub appositamente scritta per Emergency. Il brano trae spunto dal diario omonimo di Raul Pantaleo che raccoglie le sue testimonianze registrate durante la costruzione di un centro cardiochirurgico Salam, nel Sudan. Alla fine del Cd è inserito anche il relativo videoclip: un cartone animato prodotto dallo Studio Tam di Venezia.

Dall’irresistibile ska-disco di “Scalatore d’aria” si passa alle melodie rock di “Agosto”, per sfociare nella cover di “Eleanor Rigby” dei Beatles, in una curiosa ed efficace versione dub.

Brano dedicato alle donne è “Senza illusioni”, mentre altra cover è “A modo mio”, dei Negrita.

Fantasticamente racchiuso in un guscio di grooves è “Muvin” feat. Tadiman, brano carico di emozioni elettroniche e dub. Si torna all’attualità e alla denuncia con “Discarica”. Chiude “Sabbia” feat. Faso (degli Elio e le Storie Tese).

“Lasciate la mancia al portapizze” (nonostante sia un titolo che non invoglia a comprare il disco, come si cita in “Precario”) è un lavoro davvero ben suonato, con spunti e idee che sgorgano in ogni canzone. Lo stuolo di ospiti d’eccezione (tra i quali spiccano Skandi e Specchio dei Vallanzaska, Bunna e Papa Nico delle Africa United, il Faso di Elio Le Storie Tese, Sergio Sgrilli di Zelig e Federico Nalesso degli Ska-J) impreziosisce un disco che unisce ska e pop, senza tralasciare dub e punte rock.

E dopo aver lasciato la mancia al portapizze, chiedetevi se davvero l’Uomo è più intelligente dei Makaki.

 

 

 

TRACKLIST

01. Il verso dei topini

02. Libera lamento

03. Precario

04. Attenti all'uomo bianco

05. Scalatore d'aria

06. Agosto

07. Eleanor Rigby

08. La volpe e il cervo

09. Senza illusioni

10. A modo mio

11. Muvin

12. Discarica

13. Shanghai

14. Sabbia

15. Attenti all'uomo bianco (radio edit)

Bonus: Attenti all’uomo bianco, Videoclip

 

Attenti all'uomo bianco - feat. Bunna

 

 

MAKAKO JUMP sono:

Lorenzo: voce

Luca: chitarra, voce

Igor: pianolette, voce

Wallace: sax, voce

Lele: trompeta

K: trombòn

Fede: basso

Pluvio: batteria

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: Maninalto!

Sul web: MySpacewww.makakojump.com  

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP