LUCIO LEONI (BU CHO) - Lorem ipsum (Lapidarie Incisioni, 2015)

Scritto da  Martedì, 22 Dicembre 2015 

"Lorem ipsum" di Lucio Leoni: genio e spudoratezza in un tripudio di "pajata pop"

Genere: Pajata pop
Voto: 8/10


"Lorem ipsum" è un album di grande ispirazione. Lo dimostra la delicatezza di un brano romantico come "Domenica", la dolcezza di "Fuori da qui", le confessioni malinconiche di "'Na bucia" dove ci trafigge la tenera ammissione che a volte si vive di ricordi, addirittura memorie altrui, purché parlino di vita. Sincerità al cubo. Lucio Leoni (in arte Bu Cho) è uno scrittore di talento, un innamorato cronico di Roma e del vernacolo capitolino, un talentuoso emulo di Gigi Proietti che sembra di riascoltare in mezzo album (ma soprattutto in tre canzoni: "A me mi", "Prima campanella" e "'Na bucia"). L'autore, musicalmente, è un poliglotta: le sue armonie, le sue basi hanno gradevoli e importanti differenze così da non annoiare mai chi ascolta.

Evidentemente, come tutti i bravi musicisti ama la ricerca, abbonda di fantasia e il suo repertorio ne guadagna. Sembra piacergli tutto: le colonne sonore anni settanta ("Prima campanella"), Le luci della centrale elettrica (provate ad ascoltare "La luna"), gli stornelli romani ("Tavolino"). Usa spesso gridare per trafiggere il cuore, così come adora fare rap per comunicare in via più confidenziale rispetto alla più prevedibile composizione strofa/ritornello. Nelle sue vene c'è il cabaret, musica e teatro. Tra i suoi argomenti, oltre a Roma e all'amore, c'è il tempo che ci deforma, una nevrotica attenzione per le regole e le sue inevitabili infrazioni, soprattutto lessicali.

E dopo averci ingolfato di romanità e dialetto, trivio e intelligenza, pillole di memoria, tamburi lontani che echeggiano e risvegliano antiche emozioni, come gran finale ci riserva "Amami" dove il piglio dissacratore di Bu Cho esplode mentre fa il verso ad Elvis e Morgan allo stesso tempo, massacrando scherzosamente una chitarra folk. Genio e spudoratezza in un tripudio di "pajata pop". Spero che almeno tifi Lazio.


TRACKLIST:
1. La luna
2. A me mi
3. Domenica
4. Tavolino
5. Fuori da qui
6. Prima campanella
7. Guardami
8. 'Na bucia
9. Amami


Hanno suonato:
- Lucio Leoni: voce
- Daniele Borsato: chitarre
- Alessandro Accardi: batteria
- Giulio Marino: chitarre
- Filippo Rea: tastiere
- Laura Piccinetti: basso


Articolo di: José Leaci
Grazie a: Libellula press
Sul web: facebook.com/bu.cho.56

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP