KARENINA - Via Crucis (Autoproduzione, 2014)

Scritto da  Lunedì, 11 Maggio 2015 

"Via Crucis", l’ultimo lavoro della band Karenina, dedicato alla crisi italiana, risulta molto ben costruito e ben prodotto

Genere: Indie rock
Voto: 8/10


I Karenina, band bergamasca nata nel 2005, contraddistinta sempre da una ricerca musicale purtroppo non comune nella scena del nostro paese, tornano con il loro ultimo lavoro “Via Crucis”, uscito nel 2014 e disponibile in download gratuito sul loro sito. E proprio il nostro paese è al centro del nuovo album della band pop-rock, nato dopo una fortunata gavetta come gruppo spalla di artisti del calibro di Niccolò Fabi, Tricarico, Marlene Kuntz e Marta sui Tubi.

Il titolo dell’ultima fatica dei Karenina è una metafora della situazione del nostro paese che sta attraversando, appunto, una vera propria marcia attraverso il dolore con la convinzione che questo percorso non finirà facilmente. La frase che riassume questo concetto è “L’Italia è bellissima, ma ci vivono le bestie”, frase che racchiude il senso del loro lavoro, cioè far riflettere ognuno di noi sulle cause di questo degrado. Non fermarsi al solito pensiero comune che il sistema sia corrotto, perché il sistema è formato da tutti noi. Ognuno di noi fa parte di questo ecosistema ed ognuno può fare qualcosa per non morire sulla croce, cercando una sorta di riscatto o meglio “resurrezione”, per rimanere nel tema del titolo dell’album.

Dal punto di vista musicale, si nota una cerca ricerca sonora, a partire dal primo singolo “Nel centro del paese”, che ha avuto un ottimo riscontro radiofonico fin dalla sua uscita nel 2014. Vari generi sono presenti nell’album dall’indie pop al rock più duro, spesso presenti nella stessa traccia dell’album, pieno infatti di cambi di ritmo alternando schitarrate che ricordano i Marlene Kuntz degli inizi ("Non si muove") a pezzi più intimistici e ad altri parlati ("Hey tu!")

In conclusione, l’ultimo lavoro della band risulta molto ben costruito e ben prodotto, specialmente considerando che si tratta di un’autoproduzione. Personalmente, avrei preferito una maggiore varietà di argomenti invece di puntare solo sull’ormai ultra discusso, e un po' a colpo sicuro, argomento della crisi italiana.


TRACKLIST:
01. 26 novembre 2010
02. Ovest
03. Nel centro del paese
04. La Sapienza
05. 811 km il sudore in nota spese
06. Per vederti ancora
07. E l'universo
08. Hey tu!
09. Non si muove
10. L'Italia è bellissima
11. 26 febbraio 2011


Articolo di: Valerio Donfrancesco
Grazie a: Macramè
Sul web: karenina.it - facebook.com/karenina.officialpage

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP