IO E LA TIGRE - Io e la tigre ep (Autoproduzione, 2014)

Scritto da  Martedì, 04 Novembre 2014 

Io e la tigre: il loro omonimo ep di esordio è una montagna russa, un continuo sali scendi tra il sussurro e lo strillo, tra la carezza e il graffio con effetto finale "calamita".

Genere: Rock/pop
Voto: 7.8/10


Io e la tigre scherzano con il nostro sistema ormonale promettendo, come nell'amore adolescenziale, un sacco di dolci intenzioni e di tenerezze musicali che poi vengono puntualmente tradite dall'aggressività chitarristico-vocale che esplode improvvisa in ogni canzone di questo ep d'esordio omonimo. Le due ragazze bolognesi-cesenati illudono e circuiscono, blandiscono, e poi feriscono. Ad esempio la parola "cuore" viene usata un bel po' di volte ma alla radice del loro rock sembra esserci più la guerra che l'amore.

E il loro disco diventa una montagna russa, un continuo sali scendi tra il sussurro e lo strillo, tra la carezza e il graffio con effetto finale "calamita": la voce di Io (Aurora Ricci), si appiccica alla nostra pelle come un comburente pastoso che brucia senza tregua fino alla fine dell'album. Si ascolta e riascolta e si rimane affascinati. Impressionante l'orgasmica "Producers": urlo di protesta, richiamo d'amore, trappola sirenica per sprovveduti viandanti. Inquietante "La mia collezione impossibile", tristissima "Daddy song" e, incredibile, quasi felice "Il lago dei ciliegi". Che bella sorpresa, dunque: Aurora Ricci e Barbara Suzzi (ritrovatesi a molti anni di distanza dall'esperienza de Lemeleagre) hanno un posto d'onore nei nostri cuori esigenti.

TRACKLIST:
01. Sottovuoto
02. La mia collezione impossibile
03. Il lago dei ciliegi
04. Cuore
05. Daddy song
06. Producers

IO E LA TIGRE sono:
- Io (Aurora Ricci): voce, chitarra
- La Tigre (Barbara Suzzi): batteria

Hanno suonato ne "Il lago dei ciliegi":
- Andrea Cola: chitarre
- Gioele Sindona: violino
- Teresa Tondolo: violino

Articolo di: José Leaci
Grazie a: Sfera cubica
Sul web: www.facebook.com/pages/IO-e-la-TIGRE

TOP