IL DISTACCO - I 17 lati (Zeta factory, 2016)

Scritto da  Giovedì, 07 Luglio 2016 

"I 17 Lati" delle emozioni umane secondo Il Distacco

Genere: Altrnative rock-grunge
Voto: 7/10


È datato allo scorso 2 maggio il debutto discografico de Il Distacco, la band varesina guidata da Nicolas Donno (voce e chitarra) che prevede nella formazione Davide Di Pierro (chitarra), Jacopo Di Pierro (basso) e Daniele “Mack” Finocchiaro (batteria): proprio il 2 maggio 2016, infatti, è la data di release de “I 17 Lati”, Ep d’esordio del gruppo. Caratterizzato da un sound alternative-rock/grunge – nel quale si può cogliere l’influenza sia dei gruppi americani Nirvana, Pearl Jam e Soundgarden che delle band italiane Marlene Kuntz e Verdena, influenze ripensate e riproposte però in chiave innovativa, ad esempio attraverso l’uso dell’elettronica“I 17 Lati” propone un viaggio nell’interiorità dell’uomo, un percorso nel quale ci si sofferma ad analizzare le emozioni che compongono la vita di ogni persona, come l’ira e l’amore, ma anche come l’odio e la serenità.

L’Ep inizia con “Karma”, una traccia nella quale si descrive il destino, che chiede conto ad ogni uomo degli esiti delle azioni che ha compiuto, esiti che possono essere – come recita un famoso detto – tanto frutto quanto tempesta a seconda di ciò che si abbia seminato. Tutto ciò è espresso con un ritmo sonoro incalzante e attraverso la voce potente di Nicolas Donno, che, insieme ai riff incisivi delle chitarre, rendono la traccia rabbiosa e graffiante. “Odio e Amo” è un pezzo incentrato sul confronto e sul contrasto tra l’amore che si può provare per l’intero genere umano e l’odio che si può nutrire per le singole persone. Il ritmo meno sostenuto, più disteso e la presenza timbrica della tastiera producono un pezzo sicuramente più tranquillo e più rilassante rispetto al precedente.

“Afrodite” è una descrizione più dettagliata dell’amore del quale si è parlato nella traccia appena citata. Dal punto di vista testuale, il brano risulta diviso in due sezioni: nella prima si descrive la componente attrattiva e magnetica dell’amore, mentre nella seconda la sua dimensione erotica e intima. La melodia segue la divisone del testo e ad un prima sezione vivace e intensa – che sembra richiamare i toni di “Karma” – ne segue un’altra ritmicamente più tranquilla, nella quale le chitarre risultano intervallate dalla tastiera. “Lanterne cinesi” parla dei ricordi e delle abitudini della fanciullezza che ogni persona si porta dentro da adulto e che contribuiscono a formare l’individualità di ognuno. Dal punto di vista sonoro, la traccia presenta la stessa duplice suddivisione il cui ordine è però opposto rispetto a quello di “Afrodite”: ad una prima ritmicamente rilassata e meditabonda, ne segue un’altra intensa e veloce, con gli innesti di keyboards tra una chitarra e l'altra a fare nuovamente capolino.

“La pace dei sensi” è il tratto finale del viaggio nelle emozioni umane compiuto in questo Ep. Il brano descrive l’accettazione di sé, di tutti i lati emotivi della propria individualità e la serenità che ne deriva. Dal punto di vista musicale, il brano è ritmicamente omogeneo, vivace, senza gli accenni rabbiosi di “Karma”, a testimoniare, infine, la ritrovata armonia con se stessi.


TRACKLIST:
1. Karma
2. Odio e amo
3. Aphrodite
4. Lanterne cinesi
5. La pace dei sensi


IL DISTACCO sono:
- Nicolas Donno: voce e chitarra
- Davide Di Pierro: chitarra
- Jacopo Di Pierro: basso
- Daniele “Mack” Finocchiaro: batteria


Articolo di: Riccardo Coppola
Grazie a: Blob agency
Sul web: facebook.com/ildistacco

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP