GLI EBREI - 2010.1 (Wallace Records/I dischi di plastica, 2012)

Scritto da  Mercoledì, 20 Giugno 2012 

GLI EBREI - 2010.1Gli Ebrei, una delle scoperte più interessanti e deflagranti dell'underground italiano, tramite la Wallace Records, ristampano il loro album “2010” aggiungendo un secondo disco di brani in versioni MIDI: ne esce fuori “2010.1”. Provocazione, vitalità e la capacità di essere scomodi senza gonfiarsi eccessivamente.

 

 

 

Genere: Pop/Shoegaze/Rock/Lo-Fi

Voto:  8/10

Ascolta anche: C.C.C.P.

 

Se i dischi a nome C.C.C.P. per voi e per la vostra vita sono diventati una sorta di Bibbia personale da cui, difficilmente, si può prescindere.

Se, giorno dopo giorno, siete stanchi di ascoltare artisti che si prendono troppo sul serio e diventano pesanti solo per sport.

Se la provocazione per voi non è soltanto un misero atto gratuito, ma è figlia di una costruzione ideale che nasce nel momento in cui colpisce.

Se un disco può durare anche soltanto venti minuti ed esplodere, come fosse una molotov, nel vostro impianto emotivo.

Se l'idea che l'intero disco sia rifatto in chiava MIDI vi piace perché vi rilassa e vi fa divertire.

Se siete consapevoli che in questo momento, in questi giorni dannatamente grigi, un bel pugno in faccia non può che far bene.

Se il punk, nel bene e nel male, lo avete avuto sempre addosso, anche se lo avete nascosto e se l'elettronica, quella buona e salutare, non è soltanto roba da indie rocker d'avanguardia: bene amici lettori miei “2010.1” de Gli Ebrei è il disco che fa per voi.

Se anche solo una frase precedente non vi va a genio e pensate sia ridicola, girate al largo!

 

 

 

 

TRACKLIST

1. La noia

2. 2010 (anno di cambiamento)

3. Passato presente

4. I ragazzi sono stanchi

5. Bottoni

6. La gaia scienza

7. SanRemo

8. Di nuovo giovani (live)

9. Nel bene e nel male

10. Maratona

11. Da grande voglio avere 40 anni

12. Di nuovo giovani (studio version)

 

 

GLI EBREI sono:

Matteo Carnaroli: voce e sintetizzatore

Alessandro Ferri: batteria

Andrea Gobbi: basso

Tommaso Alberici: chitarra

 

Articolo di: Giuseppe Gioia

Grazie a: Wallace Records

Sul web: www.myspace.com/gliebrei

TOP