GARCINO - Mother Earth's Blues (Autoproduzione, 2016)

Scritto da  Sabato, 26 Novembre 2016 

I Garcino tornano alla ribalta con un nuovo album dal titolo “Mother Earth's Blues”, messaggio leggero, diretto, globale, teso a far riflettere sul futuro di nostra Madre Terra

Genere: Blues
Voto: 7,5/10


Ho avuto strane visioni nella testa nel recensire il gruppo di cui mi accingo a parlare. Feste popolari, canti e balli, allegria, tavolate di gente che sorride al suono di bicchieri brindanti. Persone serene che vivono la propria quotidianità con costanza, orgoglio e tenacia, sapendo perfettamente che non tutto ciò che le circonda vuole il loro bene. Da una regione orgogliosamente attaccata alle tradizioni popolari come il Piemonte nasce una realtà alquanto bizzarra ma decisamente interessante, capace di fondere svariati generi musicali in un solo corpus sonoro, a richiamo proprio di quella visione poc'anzi menzionata.

I Garcino tornano alla ribalta con un nuovo album dal titolo “Mother Earth's Blues”, messaggio leggero, diretto, globale, teso a far riflettere sul futuro di nostra Madre Terra e su quali siano i comportamenti da mantenere nei suoi confronti affinché un giorno (speriamo non troppo vicino, nonostante la distanza e insensibilità all'argomento del neo presidente americano Trump) non sia troppo tardi. Snelle ritmiche blues (molto Chicago/New Orleans), funky e rock sono alla base di questo progetto d'altri tempi, quasi a voler richiamare la gente in piazza come si faceva una volta. Quelle sere d'estate chiacchierando liberamente con il quartiere, seduti in posti improbabili con le sedie di casa trasportate in strada o trovandosi al bar del centro raccontando le proprie giornate. Ve le ricordate?

I Garcino sono questo e ancor di più nel loro cantato che spazia dall'inglese al dialetto piemontese, in onore e merito a culture popolari che non andrebbero mai perdute, sopratutto in rapporto ai tempi moderni in cui uomini e donne si costringono (sono costretti) a relazionarsi tramite proiezioni digitali di se stessi. Un mondo piatto, sterile, privo di calore. Tornano loro dunque a riscaldare le nostre giornate attraverso brani come “It's a Slow Food Talk”, inno al godersi la vita come lo si farebbe con del buon cibo a tavola (singolo/videoclip scelto dalla band per presentare l'album), oppure la stessa “Mother Earth's Blues” feat. Roberto Bella, la cui esperienza e professionalità a livello folkloristico (membro fondatore dei Trelilu, chi è piemontese saprà) ha portato vitalità ed ironia all'architettura del progetto. Album decisamente improntato alla facilità di arrivo ma che contiene celati messaggi profondi che toccano l'anima e portano a riflettere, con serenità ma sopratutto giudizio. Ritorniamo in strada, apparecchiamo nuovamente le tavole e sediamoci a parlare, ringraziando la commensale principale, Madre Terra.


TRACKLIST:
1. Intro Earth’s Crying
2. It’s a Slow Food Talk! feat. Roby Bella
3. Genova per me
4. Mother earth’s Blues feat. R. Bella
5. Intro Trains
6. Trains of Tanaria feat. Bad Bones
7. L’ambigua verità
8. Genova per me (Studio rehearsal)


GARCINO sono:
- Nicola Garassino: chitarra e voce
- Andrea Griffone: tastiere
- Roberto Leardi: batteria


Articolo di: Joseph Maghen David
Grazie a: Blob Agency
Sul web: facebook.com/Motherearthsblues

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP