ERICA MOU - Tienimi il posto (Auand, 2015)

Scritto da  Domenica, 22 Novembre 2015 

Erica Mou, cantautrice di origine pugliese, ha pubblicato il 4 settembre scorso il suo nuovo lavoro discografico "Tienimi il Posto"

Genere: Cantautorato
Voto: 8/10


Erica Mou, cantautrice di origine pugliese, ha pubblicato il 4 settembre scorso il suo nuovo lavoro discografico "Tienimi il Posto". Dopo la rottura con la Sugar di Caterina Caselli, e dopo una serie di live che l'hanno vista aprire i concerti di artisti del calibro di Caparezza, Paolo Nutini, Patti Smith e Suzanne Vega, Erica torna indipendente e lo fa a tutto tondo come produttrice di se stessa, con l'etichetta discografica Auand records ed il sostegno di Puglia sounds.

A due anni dal suo ultimo lavoro "Contro le Onde” prodotto da Boosta dei Subsonica, che aveva come tema portante il mare e la tempesta, ed era caratterizzato musicalmente da arrangiamenti rock ed elettronici, la cantautrice ci presenta un cd più essenziale ed introspettivo. Il leitmotiv in questo nuovo progetto è infatti il distacco, la separazione, la lontananza sia dalle abitudini e situazioni della propria vita che dalle persone e dai luoghi familiari. Nell’album sono presenti ballate sentimentali e intense, come ad esempio “Sottovoce” brano che (probabilmente non a caso) apre l'album e “Se mi lasciassi sola”, secondo singolo del disco, pezzo fortemente influenzato dalle atmosfere del cantautorato anni '60. Trovano spazio all'interno del lavoro anche arrangiamenti più radiofonici e immediati come “Ho scelto te” (primo singolo) e “Le macchie”. Ma c'è spazio anche per l’anima rock ed elettronica di Erica che si scatena nei brani “Non sapevo mai mentirti" e "Depositami sul fondo”. Chiude l’album la traccia che dà il nome a tutto il lavoro, un brano delicato e intimistico che si presta a diventare un classico nel repertorio live della cantautrice.

Il progetto è molto accurato e ricercato, scordatevi ritornelli di facile presa e concetti reiterati fino alla noia, piuttosto fermatevi e cercate di metabolizzare quell'esigenza a cui la società odierna ci ha costretto: di arrivare al dunque all'istante, senza convivere con la pazienza; senza uno sforzo per capire il silenzio, dunque inesorabilmente senza poesia. Per apprezzarlo bisogna accettare che questo disco non ha la pretesa di conquistarti al primo ascolto ed è proprio la mancanza di questo fattore a renderlo senza tempo. Infatti, anche dopo innumerevoli ascolti, è difficile arrivare ad un punto di saturazione dei brani poiché questi neanche si sforzano di rimanerti in testa e paradossalmente ogni volta che li ascolti sembra la prima. Il suono, gli arrangiamenti e la chitarra, che è la protagonista di tutto l'album, rendono questo cd diverso da ciò che il mercato discografico offre in questo periodo, ma ciò che rende quello di Erica un lavoro significativo è la scrittura dei testi che riescono a suscitare immagini e sensazioni molto intime della cantautrice e che mettono l'ascoltatore in una profonda immedesimazione emozionale.


TRACKLIST:
1. Sottovoce
2. Come mi riconosci
3. Indispensabile
4. Niente di niente
5. Ho scelto te
6. Le macchie
7. Che pioggia
8. Quando eravamo piccoli
9. Se mi lasciassi sola
10. Biscotti rotti
11. Non sapevo mai mentirti
12. Depositami sul fondo
13. Tienimi il posto


Hanno suonato:
- Erica Mou: voce, chitarra acustica
- Francesco Diodati: chitarra elettrica, chitarra acustica
- Francesco Ponticelli: Basso elettrico, contrabbasso
- Alessandro Marzi: batteria, pianoforte


Articolo di: Edoardo Bettoja
Sul web: ericamou.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP