EMILIANO MAZZONI - Cosa ti sciupa (Gutenberg music, 2014)

Scritto da  Giovedì, 04 Dicembre 2014 

Dove tra i rovi si nascondono le fragole: "Cosa ti sciupa" è la seconda opera del cantautore rock Emiliano Mazzoni.

Genere: Cantautorato rock
Voto: 8/10


Quella di Emiliano Mazzoni è una canzone di bellezza che si frantuma nei movimenti dell’anima e del pensiero, bloccati in istantanee di profumi e luci crepuscolari. I versi del cantautore emiliano scivolano verso il cuore, in quei terreni di rovi e fragole sorvolati da orizzonti saturi di malinconia. Esplodono cieli dai riflessi inconsistenti, cieli di note e parole verso cui la voce si protende lontana.

La voce che ne insegue le carezze di bellezza svanita e le dita che scorrono sul pianoforte visionario, alla ricerca dei movimenti di un sound che richiama discendenze rock e contamina la tradizione cantautorale nostrana. Dopo l’album d’esordio "Ballo sul posto" (2012), Emiliano Mazzoni presenta questa nuova raccolta di undici canzoni che lascia l’impronta di una cifra stilistica singolare e significativa nel panorama del cantautorato moderno, con la notevole cura di un lavoro incorniciato da due brani di pregiata fattura.

"Cosa ti sciupa" è l’interrogativo sospeso dei movimenti che si perdono e cercano di ritrovarsi, che fuggono per resistere e poi si sorvegliano. E ancora, cercano voce per risolversi in questa indefinitezza e trovano posto in un’espressione musicale che riesce ad accoglierne tutte le gradazioni di colore con la produzione del musicista Luca Rossi (Üstmamò, Giovanni Lindo Ferretti). Si comincia già a sentire un profumo che sa di musica: quella di Emiliano Mazzoni è una canzone di bellezza delicata e forte, raffinata e popolare. Note e parole di un cantautore che non racconta favole ma di una bellezza così intensa da non credere.


TRACKLIST:
01. Canzone di bellezza
02. Ma perché te ne vai
03. Diva
04. Un'altra fuga
05. Ciao tenerezza
06. Hey boy
07. Ragazza aria
08. Non lasciarmi qui
09. Nell'aria c'era un forte odore
10. Tornerà la felicità


Articolo di: Laura Medda
Grazie a: Macramè
Sul web: facebook.com/emiliano.mazzoni.official

TOP