CHIARA RAGGI - Molo 22 (LaZaRiMus, 2009)

Scritto da  Josè Leaci Mercoledì, 20 Maggio 2009 

CHIARA RAGGI - Molo 22 (LaZaRiMus, 2009)Chiara Raggi. Bella voce e scrittura matura ma la sua musica è senza meraviglia.

 

 

 

Genere: Pop

Voto: 6/10

Ascolta anche: -

 

Chiara Raggi è una costruttrice di strofe ma non ha lo stesso talento per ritornelli o sbocchi musicali fiammeggianti. Questo, almeno, trapela dall'ascolto di “Molo 22”, un album quasi parlato in cui la semplicità musicale è in ogni dove tranne che negli arrangiamenti, elementi davvero curati e punta di diamante dell'intero disco.

Le melodie rimangono spesso sul vago, non ce n'è alcuna che rimanga impressa per un ritmo o per la scelta ardita di una nota che non ti aspetti. Manca la meraviglia, la sorpresa e l'incanto ma si sente il lavoro e, a volte, un'ispirazione più diretta come nel caso di “Inesorabile fragilità” che ha, almeno questa, un ritornello corposo.

Sembrano piccolezze ma, di atmosfere rarefatte e meditate, è saturo il mondo ed io sogno qualcuno che deformi la melodia a suo piacimento e non chi esercita l'uso (quasi) scolastico della voce in ambito canzone.

Tra i lati positivi (oltre alla voce attraente), è sicuramente bella l'idea dell'arpeggio di chitarra classica su cui scorre, come un'amara carezza, la lettura di “Alcune mattine”, un brano contro la depressione che, paradossalmente, incupisce.

Raggi offre più invenzione nelle liriche e i suoi testi discorsivi si leggono, con piacere, anche senza musica. Però, tutto ciò non basta a prendere nota del suo nome come quello di un astro nascente e di sicuro fulgore.

Vedremo cosa saprà inventare in futuro. Per ora non va oltre la sufficienza.

 

 

 

TRACKLIST:

1. Confessioni

2. Molo 22

3. Moschina

4. È cambiata la notte

5. Inesorabile fragilità

6. Stomaco e musica

7. Alcune mattine

8. Non è importante

9. Il viaggio

10. Angelo rosso

 

Hanno suonato:

Chiara Raggi: voce, chitarra, cori

Roberto Taufic Hasbun: chitarra, cavaquinho, tastiere, viola caipira

Gilson Silveira: percussioni

Eduardo Taufic: melodica, pianoforte

Federico Marchesano: contrabbasso

Leonardo Enrici Baion: clarinetto

Evelina Paiano: flauto

 

Articolo di: Josè Leaci

Articoli correlati: Intervista

Grazie a: Donato Zoppo, Ufficio Stampa Synpress44

Sul web: www.chiararaggi.com - www.myspace.com/chiararaggi - www.myspace.com/lazarimus

TOP