CESARE BASILE - Storia di Caino (Urtovox, 2008)

Scritto da  Ilario Pisanu Venerdì, 18 Luglio 2008 

“Storia di Caino” è la storia che si fa musica, la musica che diventa storia. A narrarla, in maniera più pensata e meno sanguigna del solito, è uno dei cantautori più intimisti del panorama indie italiano.

 

Genere: Songwriting/Folk/Blues

Voto: 7.3/10

Ascolta anche: -

 

 

Cesare Basile riscrive la sua personalissima storia, incrociandola con quella di Caino. Dopo il divorzio con la Mescal, approda alla Urtovox, estremizzando ancor di più i suoni del precedente disco “Hellequin Song”, uscito circa tre anni fa.

Cesare Basile, cantautore catanese, prende per mano tutto il suo entourage, compreso John Parish (produttore artistico del disco) e si abbandona ad un altro densissimo lavoro che si discosta da qualsiasi legge discografica.

“Storia di Caino” è decisamente un lavoro non immediato, che fa respirare polvere di deserto, polvere finissima che ti intasa il cervello, infilandosi nelle narici per lasciasti senza respiro.

Un lavoro “sull’assenza”, come lo stesso Basile dichiara, fatto di folk, blues e lunghe agonie musicali da brivido.

Apripista è la zoofila e claustrofobica “L’agnello”, mentre mischia rabbia e vento (del deserto?) la concentrica “A tutte ho chiesto meraviglia”, dove il piano disegna profili e gambe e occhi.

Con “All'Uncino di un Sogno” troviamo il Basile che più mi fa sognare: ritmi mesmerici intrecciati con un folk onirico e d’atmosfera. Le tinte elettriche si palesano in “Canto dell’osso”: le chitarre passano di bocca in bocca, di mano in mano, di cuore in cuore. Fino a farlo esplodere.

Ancora ritmi che si arrampicano su dune e montagne di sabbia nella title-track “Storia di Caino”: “Così trovai mio fratello/ che andava fiero dei suoi sacrifici/ i primogeniti delle sue greggi”.

“What Else Have I to Spur Me into Love?”  è l’unico brano in inglese da Robert Fisher dei Willard Grant Conspiracy. Chiude “Maria degli ammalati”, un canto tradizionale con le parole di Giuseppe Menna Condorelli.

“Storia di Caino” è la storia che si fa musica, la musica che diventa storia. A narrarla, in maniera più pensata e meno sanguigna del solito, è uno dei cantautori più intimisti del panorama indie italiano.

 

 

 

TRACKLIST

1. Gli Agnelli

2. A Tutte Ho Chiesto Meraviglia

3. All'Uncino di un Sogno

4. Canto dell'Osso

5. Per Nome

6. Sul Mondo e sulle Luci

7. Donna al Pozzo

8. Storia di Caino

9. What Else Have I to Spur Me into Love?

10. 19 Marzo

11. Il Fiato Corto di Milano

12. Maria degli Ammalati

 

Hanno suonato:

Cesare Basile :Voce, chitarre, dobro, banjo, armonica, kalimba, percussioni

Luca Recchia: basso, contrabasso, didjeridoo, cori

Marcello Sorge: batteria,percussioni, cori

Michela Manfroi: pianoforte, organo, cori

Rodrigo Derasmo: Violini, cori

Marcello Caudullo: chitarra elettrica, diamonica, marranzano, cori

Lorenzo Corti: chitarra elettrica, lap steel guitar

John Parish: pianoforte, chitarra elettrica

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: Urtovox

Sul web: MySpace

 

 

TOP