La collana "Fiabe e storie" della Donzelli editore si arricchisce con una interessantissima ristampa del famosissimo libro di Alexandre Dumas "I tre moschettieri".
Sull'autore del volume e sulla sua opera tutto quello che si doveva e poteva dire è stato detto e aggiungere una parola in più risulterebbe un semplice esercizio di stile a cui vorrei assolutamente sottrarmi.

Chi ha avuto il piacere di ascoltare le parole di Massimo Recalcati, uno dei principali psicanalisti italiani durante qualche conferenza, lo proverà nuovamente leggendo questo suo libro sul perdono, dalle parole chiare, pacate, capaci come sempre, di accendere piccole luci nel buio di alcuni nostri comportamenti: Non è più come prima. Elogio del perdono nella vita amorosa. Il volume è pubblicato da Raffaello Cortina Editore, che dal 1981 pubblica saggistica di qualità, soprattutto nel settore delle scienze umane, con grande attenzione alle tematiche psicologiche.
Recalcati ci accompagna, sicuro e paterno, nel buio della psiche confrontata con il tradimento, indicandoci quei piccoli sassolini capaci di farci ritrovare un “cammino”, come se fossimo nel bosco fitto di Pollicino.

La conferenza del signor S. G.
Monologo teatrale

di FRANCA DE ANGELIS

Liberamente ispirato alla storia vera di Kirk Andrew Murphy

“Il sarto” Di Dedo di Francesco

Scritto da Domenica, 16 Novembre 2014

E’ appena uscito Il sarto di Dedo di Francesco, romanzo storico ambientato in un arco di tempo che dagli Anni ’30 del Novecento arriva agli Anni ’60 seguendo sullo sfondo le vicende di un’Italia in profonda trasformazione che l’autore conosce bene per la sua passione storica e che ci illustra senza nozionismo, ma con la passione del cronista delle “piccole” storie.

Il canto del cigno di un barista che rivede la sua vita nel microcosmo di un caffè che è diventato la sua famiglia, scandito da incontri, conversazioni e la storia d’Italia, quella vissuta, del Ventennio, della Guerra e del ritorno alla vita, la ricostruzione e l’attività febbrile. La buona letteratura di un tempo, di intrattenimento intelligente, un libro ben scritto, curioso e gustoso, ben documentato.

I controvalori indicano nel mercato finanziario il valore materiale di un titolo e insieme la disponibilità degli operatori al suo acquisto o alla sua vendita.
In una fase storica in cui si dibatte ampiamente sul valore della cultura, Alberto Casadei ci aiuta a ragionare sul fatto che la letteratura è entrata direttamente in logiche di mercato e noi valutiamo le opere prevalentemente per le loro vendite, per il loro successo di marketing, però i valori della letteratura sono tradizionalmente “valori contro”, tendenzialmente rivolti più alla lunga durata che al realizzo immediato, quindi il controvalore della letteratura deve essere in qualche modo anche tarato sulla lunga distanza, sulla possibilità di durare. Come può conciliarsi questo principio con una prassi editoriale che invece tende a produrre freneticamente titoli che passano da best-seller a fondi di magazzino fuori moda?

TOP