"Tristesse” Avenue di Nidhal Guiga

Scritto da Domenica, 12 Giugno 2016

Romanzo scritto in forma di pièce teatrale con un fondo noir: un’indagine non indagine che racconta la corruzione nel mondo del teatro e l’annientamento che può esercitare un capo sulle donne che lavorano con lui e da lui dipendono. Il testo diventa anche una metafora della città che divora, di una Tunisi crudele che succhia la linfa ai giovani.

A Edward non piaceva vederla con i suoi coetanei. Metteva in evidenza ciò che era successo da quando stavano insieme: lui non era ringiovanito, anzi, aveva fatto invecchiare lei. In compagnia dei coetanei Ruth riprendeva la sua età reale, leggera e scintillante, mentre lui restava sulla sua isola lontana nel futuro a borbottare dietro la barba.

Piccolo mosaico del disumano_Parte II

Libro manifesto di grande attualità per un’autrice impegnata. Una sorta di decalogo scritto però con un linguaggio poetico anche se crudo, rapido e visionario come una partitura rap e un muro disegnato.

Con Illustrazioni di Ayma al-Zorqani

Ho avuto il piacere di leggere al Salone Internazionale del Libro di Torino a maggio l’anticipazione del libro di questo autore che per l’edizione italiana ha suscitato già molto interesse. Ahmed Nagi fa parte degli attivisti che in Egitto sotto il regime di Al-Sisi hanno oltrepassato quella linea di confine al di là della quale non è consentito andare.

“I Miracoli” di Abbas Khider

Scritto da Giovedì, 02 Giugno 2016

Un testo dolorosamente poetico nel suo incedere scabro, non tipicamente lirico: l’esperienza drammatica della paura in uno stato dittatoriale, il carcere, la tortura che diventano metafora di una condizione diffusa del mondo arabo attuale, vissuta dall'interno. Nello stesso tempo questa autobiografia-romanzo è una ballata alla vita, una danza che non rinuncia a sognare e che nella dedica racchiude il senso dello scrivere stesso, come unica possibilità di vivere quando si è in una gabbia.

"Appartenersi" di Karim Miské

Scritto da Mercoledì, 01 Giugno 2016

“Appartenersi” è un racconto breve ben scritto nel quale l’autore cerca disperatamente di trasmettere nel lettore quello stato di angoscia e di inquietudine che lo caratterizza, nella sua bramosa ricerca del senso di appartenenza sia culturale e sia territoriale che gli attanaglia l’animo.

TOP