Davide Toffolo I Tre Allegri Ragazzi Morti ri-tornano in cinqueOperazione editoriale/musicale che vede Davide Toffolo come protagonista. Tre volumi rilegati in una elegante confezione simil Dvd, in tre uscite da settembre a novembre e una ristampa dal mese di ottobre, in occasione della vicinanza con il periodo natalizio, che contengono le tavole di “Cinque Allegri Ragazzi Morti”, la storia di cinque zombi impossibilitati a crescere e morire.

Una rete senza target

Scritto da Venerdì, 21 Novembre 2008

rete senza targetNegli ultimi mesi ho spesso ascoltato Radio Due, approfittando del fatto che la corazzata “Viva Radio 2” non fosse in onda e che quindi si potesse finalmente parlare di radio e non di Fiorello.

Ero convinto di trovarmi di fronte ai soliti programmi precotti che ormai la rete pesca dal suo repertorio senza alcuna capacità critica e di rinnovamento.

Grande è stata la sorpresa nell’ascoltare due programmi che valgono il tempo che gli avevo dedicato.

Il primo “Sumo” è un piacevole scontro dialettico tra due soggetti che rappresentano due modi diversi di intendere la vita (ho ascoltato una gradevole conversazione che contrapponeva gli audiolibri, ai libri d’arte) e tutto questo condotto con intelligente disinvoltura in studio da una capace e garbata conduttrice. Il programma è curato da Giovanna Zucconi ed è realizzato dalla sede di Milano.

L’altro programma “L’altro lato” (scusate l’involontario gioco di parole), è un contenitore di strane avventure intellettuali, il conduttore in studio chiama al telefono i protagonisti di bizzarre storie e si intrattiene con loro con garbo e curiosità (ho ascoltato, ad esempio un intervista ad un autore che ha scritto un libro sulle vergini laiche, argomento di cui non sapevo niente e che mi ha seriamente incuriosito). Federico Taddia è il conduttore e la sede è sempre quella di Milano.

Ma c’è qualcosa da dire anche su questi programmi, che possono definirsi di eccellenza e sicuramente destinati ad un pubblico più maturo (maturo, non anziano).

Ogni 4-5 minuti la piacevole conversazione si interrompe e parte un disco da Hit Parade.

L’effetto è devastante, se eri riuscito ad emozionarti del mondo che ti era stato proposto, queste inqualificabili scelte musicali, ti portano verso il nulla e quando si ritorna al programma si fa una fatica incredibile a riallacciare il filo del discorso.

Mi tornano alla mente i tempi in cui le scelte musicali erano coerenti e logiche, fatte proprio per non far perdere quell’attenzione che si era così faticosamente guadagnata.

Ma in epoca di Play List questo è quello che capita.

Viene il dubbio che ci siano degli interessi dietro la proposta di una colonna musicale così incoerente, aggressiva e inadeguata al target dei programmi.

Sicuramente c’è distanza dall’amore e dalla conoscenza della radio, oltre ad un certo disprezzo per gli ascoltatori.

Ma gli ascoltatori non sono sempre così ingenui, l’ultima rilevazione ha visto Radio 2, crollare al sesto posto nella classifica delle radio più ascoltate, con un risultato così basso in termini di numero di ascoltatori, come non succedeva da oltre 10 anni.

Per molto meno in televisione, si invitano direttori e vicedirettori a prendersi delle pause di riflessione (che è un modo garbato per mandarli via).

A Radio 2 sono ancora tutti lì, incollati alle poltrone con un collante potente, misterioso e indistruttibile che, nei palazzi del potere, vorrebbero tanto conoscere per poterne approfittare anche loro. 

Speriamo in un solvente di nuova generazione!

 

 

Articolo di: Francesco Anzalone

Sul web: www.ideeradio.it


 

“M’AMO NON M’AMO”

UN VIAGGIO NELLE PROBLEMATICHE SPECIFICHE DELL’UNIVERSO FEMMINILE

ALLA RISCOPERTA DEL PIACERE DI PRENDERSI CURA DI SE’

IN UN PREZIOSO DVD PATROCINATO DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE MEDICO

 

 

PROSSIMAMENTE IN VENDITA IN FARMACIA

 

 

CON “M’AMO NON M’AMO” LA MUSICA ENTRA IN FARMACIA

 

FIORDALISO TESTIMONIAL D’ECCEZIONE

(E IDEATRICE DEL PROGETTO INSIEME AD UMBERTO GIORDANI)

DEDICA A TUTTE LE DONNE IL SUO NUOVO SINGOLO “M’AMO NON M’AMO”

IL BRANO E’ SCARICABILE GRATUITAMENTE DAL DVD 

IN UNA DOPPIA VERSIONE ITALIANO/SPAGNOLO

 

 

Da un’idea di Fiordaliso e Umberto Giordani nasce “M’Amo Non M’Amo”, un compendio di consigli e semplici regole per insegnare alle donne ad amarsi di più per vivere meglio, il tutto racchiuso in un prezioso DVD interattivo prossimamente in vendita in farmacia.

 

Piccoli segreti per ritrovare l’equilibrio psico-fisico e condurre una vita sana, dalla corretta alimentazione e il giusto esercizio fisico all’importanza di un sonno pieno e rigenerante, e consigli per affrontare con consapevolezza e serenità un momento delicato nella vita di ogni donna come la menopausa; queste le principali tappe del viaggio alla riconquista del wellness presentato in modo semplice e coinvolgente nel DVD “M’Amo Non M’Amo”.

 

Testimonial d’eccezione di questo percorso alla conquista di una nuova consapevolezza è la stessa Marina Fiordaliso, una cantante straordinaria ma anche una donna comune, divisa tra lavoro e cura della famiglia.

Una donna come tante, con una vita dai ritmi a volte molto intensi, dove è fondamentale imparare a ritagliarsi un po’ di tempo da dedicare a se stesse.

Fiordaliso, che aveva già esplorato con successo nello spettacolo teatrale “Menopause – Il Musical” il modo spesso traumatico con cui le donne vivono la loro maturità, affronta questo percorso con la grinta che la contraddistingue.

Con il suo entusiasmo contagioso riesce a comunicare in modo semplice e diretto un messaggio importante per tutte le donne: non importa quanti anni hai ma quanti te ne senti, non è importante essere bella ma sentirti bella, perché una donna sicura e serena, una donna che sta bene con sé stessa, che si ama, si prende cura di sé e sa valorizzare la sua femminilità vive meglio anche l’età della maturità.

 

A guidare Fiordaliso in questo viaggio alla riscoperta del piacere di prendersi cura di sé un team di professionisti esperti delle problematiche specifiche dell’universo femminile: il dottor Ezio Scarpanti (chirurgo perfezionato in dietetica e nutrizione clinica), Filippo Lauretti (professore in scienze motorie) e la dottoressa Paola Marina Risi (ginecologa).

 

Con il supporto della loro esperienza Fiordaliso inizia la sua avventura, un’avventura che si snoda attraverso le varie fasi di una giornata-tipo, dal risveglio fino alla buonanotte.

I tre esperti rispondono alle sue domande, fugano i suoi dubbi e le svelano i loro preziosi segreti per ritrovare l’equilibrio di corpo e anima.

La formula del DVD è vincente in quanto i segreti svelati a Fiordaliso sono in realtà consigli tanto importanti quanto semplici che tutte le donne possono facilmente fare propri: trucchi per combinare gli alimenti, calcolare le calorie e mangiare bene raggiungendo così il peso ideale, facili esercizi di ginnastica da eseguire anche a casa, piccoli accorgimenti per dormire bene e così via, riscoprendo così il piacere di tornare ad amarsi, rimettersi in forma ed essere felici.

 

A fare da colonna sonora a questo entusiasmante viaggio alla riconquista del wellness un brano inedito della stessa Fiordaliso dal titolo omonimo “M’Amo Non M’Amo”. Una canzone dal ritmo vivace e coinvolgente e dal testo emblematico appositamente scritta per coadiuvare il progetto, un omaggio di una donna alle donne.

Il singolo sarà scaricabile gratuitamente dal DVD in una doppia versione italiano/spagnolo e non sarà in vendita separatamente.

Con “M’Amo Non M’Amo” la musica entra in farmacia, perché in fondo la musica è la migliore medicina per l’anima!

 

Il DVD è sicuramente il supporto più fruibile per una clientela curiosa e attenta, sempre alla ricerca di stimoli nuovi ma con poco tempo da dedicare all’approfondimento.

 

“M’Amo Non M’Amo” sarà in vendita in farmacia (con il patrocinio dell’Associazione Italiana Donne Medico), perché è un prodotto destinato ad un pubblico che cerca risposte serie e al tempo stesso semplici alle domande più diffuse relative alla ricerca del benessere psico-fisico.

 

 

“M’AMO NON M’AMO”

PROSSIMAMENTE IN FARMACIA!

 

 

“M’AMO NON M’AMO”

SCHEDA TECNICA DVD

 

 

 

DURATA: 1 ora e 10 minuti

 

IDEAZIONE: Fiordaliso e Umberto Giordani

 

PROGETTO: Umberto Giordani

 

PRODUZIONE: UMBERTO GIORDANI MULTIMEDIA by Finnermann Group

 

REGIA: Sebastiano Bianco – ZUM VIDEO PRODUCTION

 

GRAFICA: Paolo Curti – MEETING ADV

 

 

 

HANNO PARTECIPATO:

 

- Fiordaliso

- Dott.ssa Paola Marina Risi (Ginecologa)

- Dott. Ezio Scarpanti (Medico Chirurgo perfezionato in Dietetica e Nutrizione Clinica all’Università di Siena – perfezionato in Medicina Naturale e Biotecnologie all’Università di Milano)

- Dott. Filippo Lauretti (Professore in Scienze Motorie)

 

 

 

 

 

 

SI RINGRAZIANO:

Manuela Metri, Arredamenti Paoletti, Palestra Fashion Wellness Club, dott. Filippo Lauretti, dott. Ezio Scarpanti, dott.ssa Paola Marina Risi, Paola Greggio e tutto il suo staff

 

NOVITA’ PER IL VINO DE I CESARONI:

AD IMPREZIOSIRE LA BOTTIGLIA E IL SAPORE DEL SENZ’AMAREZZA ARRIVA IL KORKED, IL TAPPO CHE RESPIRA

 

 

 

Il vino senz’amarezza della Cantina Cerquetta dei castelli romani, nato per promuovere la serie tv I Cesaroni, ha conquistato il pubblico e a due mesi dalla sua nascita è uno dei vini più graditi sulle tavole dei telespettatori.

 

Dal 15 maggio in commercio ci saranno le nuove bottiglie del senz’amarezza. La novità consiste nel tappo “KORKED”, il tappo col buco o se si preferisce il tappo che respira, distribuito in esclusiva per l’Italia da OliverOgar sarà presente sulle bottiglie.

 

Il successo del bianco “Frascati Senz’amarezza Doc Superiore” e del rosso “Lazio Rosso IGT Senz’amarezza” con base di merlot-sangiovese è testimone della vincente formula “ familiare”, semplice e genuina della  Famiglia Cesaroni e rispecchia esattamente ciò che i telespettatori desiderano.

 

 Korked è l’unico tappo realizzato con un processo industriale che ha fatto propri tutti i vantaggi del sughero eliminando, però, i difetti intrinsecamente legati alla naturalità, come le ossidazioni non controllabili e l’odore di tappo.

Korked è prodotto con materiali sintetici di altissima qualità, per alimenti, e non attaccabili dalle muffe che producono il TCA (tricoloranisolo, sostanza responsabile dell’odore di tappo e del gusto anomalo) e tali da garantire performance costanti nel tempo.

 

Ma la vera innovazione tecnologica del tappo-col-buco risiede nella membrana permeabile ai gas che Korked racchiude al suo interno e che consente la microssigenazione controllata, aiutando l’affinamento del vino e il mantenimento della qualità. Il foro che attraversa il tappo e rende Korked immediatamente riconoscibile agevola lo scambio dell’aria attraverso la membrana, assicurando, inoltre, elasticità e aderenza alla chiusura.

I vantaggi per la qualità del vino sono ampiamente dimostrabili e confermati anche dai più tenaci difensori della “sacralità” dei prodotti naturali.

 

Oggi, il vino di qualità è più che mai un prodotto “tecnologico” e l’industria italiana ha fatto passi da gigante nel settore, ne è testimone il senz’amarezza che non solo ha spontaneamente rivalutato il territorio agroalimentare dei castelli romani e l’enologia laziale ma grazie al tappo Korked  ha saputo essere il precursore di future tecniche di innovazione.

 

L'astronomia nella Divina Commedia

Scritto da Lunedì, 19 Maggio 2008

L'astronomia nella Divina Commedia


I passi astronomici della Divina Commedia spiegati con facilità e chiarezza anche ai non addetti ai lavori. Un libro che aiuta a leggere in modo diverso e più completo il viaggio di Dante nell'oltretomba e a riscoprire la visione astronomica medievale.

 


Esce, ristampata per la prima volta in edizione anastatica dopo vari decenni di oblio, l'opera di Giovanni Buti e Renzo Bertagni, una guida sistematica alla comprensione dell'astronomia della Divina Commedia, nelle sue linee generali e teoriche e nei singoli passi del Poema. Lo scopo perseguito dagli Autori è stato quello di chiarire e semplificare, a vantaggio di tutti i lettori di Dante, una materia sin troppo controversa e dibattuta dagli specialisti, che può disorientare i non addetti ai lavori.
La speciale importanza e la peculiarità del libro risiede proprio nel suo approccio efficacemente divulgativo; inoltre si tratta dell'unica opera che affronti in modo sistematico e in ordine successivo tutti i luoghi della Divina Commedia in cui il Poeta affronta argomenti di astronomia.
Numerosi disegni illustrativi completano l'opera, aiutando a comprendere ancora meglio i passi del Poema. Rispondono alla stessa finalità le due Tavole finali, "Calendario e orario del viaggio dantesco" e "Posizione zodiacale e variazione diurna del Sole e della Luna nella settimana dantesca", e l'orologio astronomico in cartone rigido.

 


Incipit:
Uno sguardo alle stelle

 

Tutti hanno rivolto lo sguardo verso il cielo in qualche sera piena di stelle. Alcuni lo hanno osservato a lungo attentamente. In tal caso è stato possibile notare che le stelle hanno un movimento di rotazione intorno ad un asse (inclinato rispetto all'osservatore dei nostri luoghi).
Questo asse si chiama asse celeste e fora, diciamo così, la volta celeste in due punti detti polo nord celeste e polo sud celeste. Il polo nord celeste è vicino alla stella polare, che è la prima delle sette stelle della costellazione detta "Orsa Minore". Il polo sud celeste non è lontano dalla costellazione detta "Croce del Sud" formata da quattro stelle brillanti, che noi non vediamo perché si trova nell'altro emisfero.
La volta celeste infatti ci appare una semisfera limitata da una circonferenza orizzontale (circonferenza che può essere però interrotta dalla configurazione della superficie terrestre: monti, ecc.).
Questa circonferenza in cui il cielo sembra curvarsi lino a toccare la Terra e che, mentre limita la volta che sta su di noi, limita anche la porzione di Terra per noi visibile si chiama orizzonte sensibile: un più o meno piccolo giro intorno al punto che noi osservatori occupiamo sulla sfera terrestre (punto di stazione). Il piano tangente alla superficie terrestre nel punto di stazione dicesi orizzonte apparente: esso viene ad essere un piano circolare, un cerchio, data la sfericità della Terra. Se immaginiamo tanti cerchi paralleli a questo, progressivamente più grandi verso il centro di essa sfera fino al massimo possibile, abbiamo l'orizzonte razionale: che è appunto il cerchio massimo parallelo all'orizzonte apparente. Questi due orizzonti sono enormemente lontani (la lunghezza del raggio terrestre); se però non ci limitiamo a considerare la sfera terrestre in se stessa, ma la situiamo nell'infinità dell'Universo, dove essa diventa un punto, questi due orizzonti proiettati sull'immensa volta celeste vengono a coincidere, determinando l'orizzonte astronomico, che è uno dei cerchi massimi della sfera celeste.

 

Pagina web: http://www.sandron.it/scheda_commento.htm

 

Pagina 29 di 29
TOP