Ci sono degli autori italiani, viventi e non, che devono essere letti almeno una volta nella vita, anche solo per dire: “Questo scrittore non mi piace, abbandono il libro”. Ribadire fortemente il sacrosanto diritto di ogni lettore di non finire un romanzo: "sprecare tempo a leggere un libro che non piace, quando potremmo impiegare lo stesso tempo a leggerne uno migliore?” non poteva essere più chiaro Pennac a esplicitare tale concetto. Però, da bravi lettori incalliti quali siamo, non possiamo non sperimentare, spaziare o andare alla ricerca di scrittori nuovi che non sono sempre vicini ai nostri gusti.

Già da qualche decennio si ripete, da più parti e da varie sedi, che viviamo in un'epoca di transizione. L'affermazione può essere intesa in vari modi ma prevalentemente sta a indicare che, mentre si è chiusa una lunga e definita stagione, non se ne è ancora aperta un'altra. Sicché, saremmo in una fase di passaggio, di transitus, consapevoli della provenienza e incerti della destinazione. La transizione può costituire un paradigma culturale al quale riferire tutta la vicenda umana, accogliendo la suggestione del transitivo.

Prefazione di Mario Calabresi - A distanza di pochi anni, tra il 1957 e il 1959, Carlo Levi compì un viaggio nel subcontinente indiano e uno in Cina, come inviato per il quotidiano «La Stampa». I suoi reportages, usciti a puntate e qui raccolti in volume, appartengono a un giornalismo che non c’è più, un giornalismo non ancora saturato, e in un certo senso usurato, all’urgenza della notizia e dall’eccesso del culto dell’immagine: un mondo in cui l’informazione viaggiava lenta e aveva il tempo di sedimentare.

“I suoi spettri però erano ben diversi da quelli comunemente intesi; erano presenze silenziose, che legavano i propri bisbigli alle cose senza spiegare nulla. Si accorse che il passato le era caduto di dosso come una foglia d’autunno. Se le avessero chiesto com’era non avrebbe saputo rispondere„

L'esperienza di Atlantyca nella vendita di storie per ragazzi nel continente asiatico dove il modello transmediale trova le porte aperte (dai Pokémon).

È la seconda metà di novembre. In una discarica abusiva è stato ritrovato il corpo di un uomo, senza documenti.

TOP