Presentata l’edizione 2017 della 53° mostra internazionale del nuovo cinema organizzata a Pesaro dal 17 al 24 giugno. Un festival di avanguardia con un omaggio al regista Roberto Rossellini e al francese Nicola Rey. Al centro del festival l’attenzione al dialogo tra ieri e oggi e la valorizzazione dei nuovi autori.

Un testo originale, pulito, scritto in uno stile semplice, scorrevole, senza nessuna voglia di stupire e di sedurre il lettore. Un libro di grande umiltà che racconta una storia di amicizia e di solitudine, di grande amore per la natura e la scoperta della vita attraverso le regole della natura e per questo oggi di grande impatto per la sua inattualità. La montagna non è un soggetto di moda, soprattutto se si narra la vita fuori dal tempo di montanari su un alpeggio della Val d’Aosta. Certamente una grande lezione di umiltà anche per come è scritto.

Una galleria dal nome altisonante che traccia la linea di quel Novecento multiculturale della Tunisi d’antan, presenta la collezione della cosiddetta Scuola di Tunisi le cui propaggini arrivano fino ad oggi.

Inaugurata la nuova illuminazione del museo realizzata dallo studio Ferrara Palladino Lightscape focalizzato sull’illuminazione dei dipinti e delle opere più che sugli ambienti. L’idea è di inserirsi in armonia con una casa museo, una dimensione storica non creata ad hoc come contenitore espositivo, favorire una fruizione ottimale dell’opera senza forzature e interpretazioni critiche, oltre che promuovere il risparmio energetico. Il nuovo approccio valorizza i dettagli con soluzioni che ricordano i lampadari tradizionali, in versione stilizzata.

Una raccolta di poesie apparsa nel 1934 e l’anno seguente presso José Corti, è una sorta di manifesto surrealista che rappresenta solo un lato della produzione di quello che viene considerato uno dei tre poeti francesi che hanno segnato il Novecento: René Char (insieme a Paul Eluard e Guillaume Apollinaire). In qualche modo è ad un tempo anche la presa di distanza dall’autore e dal Surrealismo.

“Ivanhoe” di Walter Scott

Scritto da Sabato, 15 Aprile 2017

Risuona la faretra, scintillano le lance e gli scudi, i condottieri altamente gridano.

Pagina 1 di 2
TOP