Lunedì, 14 Novembre 2016 20:35

Tempesta - Teatro Argot Studio (Roma)

Dal 2 al 20 novembre. “Tempesta” di William Shakespeare per la regia di Maurizio Panici è una produzione per la stagione large 2016-2017 del Teatro Argot Studio, con un impianto scenico di grande impatto, per quanto essenziale e moderno senza attualizzazioni forzate. Grande cura nel gioco di luci, nei costumi, negli inserti musicali rock. Buona interpretazione con un filo costante di ironia che coglie del Bardo la duplicità del momento aulico e scurrile come un Rembrandt del teatro: la tragedia autentica ha sempre una nota da commedia come la vita. Con Luigi Diberti, Pier Giorgio Bellocchio, Matteo Quinzi, Claudia Gusmano, Valentina Carli, Riccardo Sinibaldi e Antonio Randazzo; musiche di Giovanni Di Giandomenico; scene di Francesco Ghisu; costumi di Anna Coluccia; light design di Giuseppe Filipponio. L’aiuto regia è di Maria Stella Taccone con la collaborazione di Alessandro Carbonara.

La donna che disse no, testo e regia di Pier Paolo Saraceno, vince l’edizione 2016 del Calabbria Teatro Festival nel segno dell’impegno, ispirato ad un fatto di cronaca, che riesce a raccontare in modo innovativo, dando vita ad un vero spettacolo teatrale che unisce il teatro di denuncia e il giornalismo alla narrazione lirica. Ritorno a Verona di Emiliano Minoccheri, poetico monologo ispirato allo shakespeariano Romeo e Giulietta arriva secondo classificato, premiato per l’interpretazione e l’originalità della visione che rilegge la società di oggi nel segno di ieri. Al terzo posto Fa curriculum (Stiamo lavorando per noi) di e con Antonio Randazzo e Antonio Roma, bella interpretazione ironica su un tema di attualità, la disoccupazione che diventa un inno all’arte.

TOP