Il viaggio di SaltinAria alla XVI edizione del Kilowatt Festival si conclude con il racconto di tre spettacoli andati in scena venerdì 20 luglio: “Prof!” di Jean-Pierre Dopagne con la regia di Alberto Giusta, “Il bambino dalle orecchie grandi” di Teatrodilina e “Nessuna pietà per l'arbitro” della compagnia Mamimò.

Dal 13 al 16 aprile. Il testo di Emanuele Aldrovandi, vincitore del decimo Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”, è un’interessante parabola noir sulla contemporaneità e sul valore degli ideali; un thriller che si muove tra comicità e angoscia, trascinando il protagonista in un pericoloso gioco mortale che confonde vittime e carnefici. In scena Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Marco Maccieri e Valeria Perdonò, con la regia di Marco Maccieri.

Il Teatro Filodrammatici di Milano rende omaggio, a suo modo, al genio teatrale di Shakespeare, in occasione dei quattrocento anni dalla sua morte. Non aspettatevi però di incontrare sul suo palco Amleto, Re Lear o Puk; anche quest'anno infatti, lo storico teatro milanese si vanta di essere “Shakespeare-free”. Troverete però, come in Shakespeare, spettacoli che prendono ispirazione dalla contemporaneità, capaci di far ridere e pensare, che introducono il dubbio, la malinconia, che incrinano la visione del mondo in ordine e sicuro, proprio come quelli del bardo di Avon, che frantumavano la vecchia visione del mondo medievale.

TOP