Un triennio importante quello che si aprirà con la stagione 2018-2019 del Teatro Quirino. Ricorrerà, nel 2021, il centocinquantesimo compleanno della storica sala romana, una grande occasione di festeggiamenti e celebrazioni che seguiranno alle imminenti operazioni di restyling della struttura nata nel 1871. Nel presentare in netto anticipo - rispetto alle consuetudini, e rispetto agli altri teatri romani - la programmazione della prossima stagione, il Presidente - e co-direttore artistico unitamente a Guglielmo Ferro - Geppy Gleijeses sottolinea, in apertura della conferenza, l’avvilente carenza di contributi da parte delle Istituzioni. Non perde neppure l’occasione per un riferimento incisivo alla nota vicenda del finanziamento al Teatro Eliseo, ora alle valutazioni della giustizia amministrativa, avendo presentato, alcuni tra i teatri più importanti della città, un ricorso contro il contribuito assegnato alla sala diretta da Luca Barbareschi.

Dal 10 al 20 marzo. Al Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma, Enzo Decaro e Anna Galiena propongono un testo divertente e profondo del drammaturgo canadese Norm Foster, mettendo a nudo due personalità diverse e allo stesso tempo più simili di ciò che inizialmente appaiono. In tour in Italia da gennaio 2016, "Diamoci del tu" approda a Roma, tra applausi, risate e qualche spunto di riflessione.

Si presenta ricco di eventi il cartellone della stagione 2015/2016 del Teatro Parioli Peppino De Filippo, articolato com’è fra commedie della tradizione italiana, classici internazionali, musica, danza ed operetta. Fra gli interpreti che si alterneranno sul palcoscenico di via Giosuè Borsi Lello Arena, Isa Danieli, Sebastiano Somma, Edoardo Siravo, Franco Branciaroli, Ugo Pagliai, Gianrico Tedeschi, Glauco Mauri.

Sabato, 25 Ottobre 2014 10:16

Tres - Teatro Manzoni (Milano)

Dal 23 ottobre al 9 novembre. Una commedia brillante, per chi ama questo tipo di commedie, una trama che lascia spazio a piccoli colpi di scena, delle belle attrici e perché negarlo, un bell’attore, unico maschio a comparire in scena e l’unico forse che abbia una concretezza corporea e di pensiero nelle vite attuali delle tre donne. La regia è di Chiara Noschese che ha curato anche l’ideazione scenografica.

Il pubblico del Teatro Manzoni di Milano troverà per la nuova stagione un cartellone ancora più ricco, pronto a soddisfare le esigenze più variegate. Una stagione con tante stagioni o meglio con più programmi.

Sabato, 19 Ottobre 2013 16:57

Tres - Teatro Sala Umberto (Roma)

Dall'8 al 27 ottobre. La commedia impudica e tagliente, moderna e seducente di Juan Carlos Rubio, giovane drammaturgo spagnolo dalla penna tanto affilata da essere stato frequentemente accostato al cinema di Almodovar, debutta in prima nazionale al Sala Umberto di Roma, promettendo un dipanarsi dell'intreccio narrativo denso di esplosivi colpi di scena ed una non comune capacità di investigare tra gli abissi di solitudine del quotidiano e le segrete aspirazioni coltivate nell'animo delle tre protagoniste. Tre donne comuni avvicinate da un rimpianto, la mancanza di un figlio, che si tramuterà in un progetto bislacco all'insegna di un modello familiare tutt'altro che tradizionale, comunanza di affetti lontana da schemi rigidi preconfezionati. Tre grandi attrici, Anna Galiena, Marina Massironi e Amanda Sandrelli, magistralmente dirette dall'estro creativo, dall'esperienza e dal fervido entusiasmo di una quarta donna, Chiara Noschese. Senza tanti giri di parole, "Tres".

TresUn testo scritto da un nuovo autore spagnolo e diretto da una donna, di una ‘comicità violenta’ per ammissione della stessa Chiara Noschese, che di questa caratteristica si è innamorata con l’idea di ‘aprirlo’, dilatarlo per accompagnare il pubblico italiano in una comicità irriverente, senza un preciso messaggio o una proposta di legge, ma un semplice gioco per raccontare la vita: la voglia d’amore e di famiglia, anche se non più con il modello tradizionale. Attori scelti per elezione e per essere una squadra, un lavoro del quale tutti sembrano fortemente entusiasti e soprattutto divertiti. Il desiderio di raccontare il femminile e il maschile senza femminismi o maschilismi per assaporare due dimensioni che si intrecciano in modo sempre nuovo.

Anna Galiena

Dal 19 al 30 ottobre. In prima nazionale un monologo simile a una conferenza, con tanto di schermo e diapositive. Ma anche alcool, pastiglie, cocaina e insoddisfazioni: in una parola sola, droghe. A portarle sulla scena è la brava Anna Galiena per la puntigliosa regia di Andrée Ruth Shammah, mentre ad abusarne è una madre depressa e nevrotica che ci parla – e ci illumina – in maniera graffiante e agitata. Già dal volantino che promuove lo spettacolo compare la prima frase-verità: “impossibile restare indifferenti”.

TOP