Andrea Dispenza

Articoli di Andrea Dispenza

Pater Familias

Dal 12 al 17 giugno. Il rapporto tra generazioni, la ferocia e il richiamo all’omologazione che viene esercitato dal gruppo, il male e la crudeltà, l’universo maschile, la violenza, i difficili confronti padre-figlio. Sono questi i temi roventi attorno a cui è costruito lo spettacolo di Kronoteatro, nucleo artistico di giovani talenti guidati da Maurizio Sguotti e apprezzati da critica e pubblico. Il loro progetto Familia, una trilogia teatrale su tematiche generazionali, è stato inaugurato nel 2009 con Orfani_la nostra casa e proseguito poi con Paterfamilias_dentro le mura nel 2011. Si concluderà con Hi Mummy_frutto del ventre tuo nell’estate 2012.

Rosso

“Una parola è morta quando vien detta, dicono alcuni, io dico che comincia a vivere soltanto allora”. Così parlava Emily Dickinson e così mette in pratica il teatro Elfo Puccini di Milano nella stagione 2012-2013 dal titolo, appunto, 'Parole vive' e presentata lunedì 4 giugno 2012.

Never Never Neverland

Dal 5 al 10 giugno. L'Isola che non c'è secondo i quattro attori in scena del teatro delle Moire: un mix di abiti saltati fuori da cantine, solai e vecchi bauli, teatro di un rituale di vestizioni e svestizioni, travestimenti giocosi e ossessivi. Infinite metamorfosi come segno di un ambiguo desiderio di ritorno all'infanzia e di un'affannosa ricerca d'identità.

Giovedì, 24 Maggio 2012 06:03

Saccarina - Spazio Tertulliano (Milano)

Saccarina

Milano. Due attori poco capaci e un produttore poco raccomandabile, seguendo le indicazioni di un autore poco presente, preparano la registrazione della puntata pilota di una fiction per la tv. Credendo ancora in un lavoro giustamente retribuito, sognano una città migliore e una vita decente, ma tutto questo resta, appunto, solo un sogno. Il testo di Davide Carnevali, finalista al premio Riccione 2007, rappresenta la vita e il percorso di due giovani come tanti, corrotti e decisi ad affermarsi a ogni costo.

Venerdì, 11 Maggio 2012 16:30

Tutto bene, mamma? - Teatro Litta (Milano)

Tutto bene, mamma?

Dal 4 al 13 maggio. Tratto da una storia vera, questo spettacolo si svolge completamente al buio e racconta una vicenda semplice e per questo sconvolgente, tenera, innocente. Ed è proprio nell’incredibilità di questo caso che si riscopre la cronaca e il surrealismo, nel senso di superamento stesso della realtà. Una storia paradossale nella sua apparente immediatezza, attestata appunto da un fatto realmente accaduto.

Domenica, 15 Aprile 2012 22:59

I Candidi - Spazio Tertulliano (Milano)

The Coast of Utopia

Dall’11 al 15 aprile. In un futuro imprecisato un aereo precipita su un'isola deserta. Sette sono i sopravvissuti. Si promettono di sfidare insieme la fame, il buio e la paura per risolvere il problema essenziale dell' uomo: essere salvato. Ma la cura del fuoco, l'attesa di una nave, l'estasi della caccia, l’angoscia per ciò che si annida nella foresta, segnano le fasi attraverso cui questa giovane e selvatica democrazia si trasforma in una dittatura. Aguzzini, assassini, cannibali: ecco i figli della candida democrazia. Vincitore nel 2010 del bando Schegge dell'Associazione Il cerchio di gesso di Torino, con il titolo provvisorio Bestie, ispirato al romanzo Il signore delle mosche di William Giolding, questa sceneggiatura è arricchita dalla presenza (sul palco) delle musiche di Stefano De Ponti e Eleonora Pellegrini.

Sabrina Impacciatore

Dal 7 al 18 marzo. Valerio Binasco porta in scena il romanzo dolce e doloroso della scrittrice nata a Palermo, Natalia Ginzburg. Della premiata opera letteraria del 1947 adesso è Sabrina Impacciatore ad impersonare tutta la tragicità. Un viaggio interiore fedele a quel pugno nello stomaco lanciato dall’autrice, in cui, con l’uso delle parole, anima il senso di angoscia e di pianto di una travagliatissima figura femminile, l’unica presenza sul palco. Grande prova per l’attrice, talentuosa, seppure ancora un po’ acerba per un ruolo così drammatico.

Tutto su mia madre

Dal 21 febbraio al 4 marzo. A teatro uno dei capolavori del regista cinematografico Pedro Almodovar. Nella versione di Leo Muscato, quasi come in un sogno, la realtà è filtrata dai pensieri di Esteban, una specie di Virgilio che prende lo spettatore per mano e gli fa fare un viaggio nel suo taccuino in cui sono appuntate le disperazioni, i dolori, la ricerca invano di un padre e un’opera teatrale il cui titolo sarebbe appunto “Tutto su mia madre”.

Sabato, 18 Febbraio 2012 21:23

Grimmless - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Grimmless

Dal 14 al 19 febbraio. Dal plastico e volatile scenario della cultura pop ai lenti giri di giostra delle tradizioni popolari che si depositano in stratificazioni inesauribili di bagagli di storie, e viceversa. Tra la vertigine e gli strepiti del discount e il sussurro persuasivo della fiaba echeggiata prima della buonanotte, ecco balenare “Grimmless”, nuova tappa del progetto drammaturgico e performativo dell’ensemble ricci/forte, la cui anima creativa è composta da Stefano Ricci, che firma anche la regia, e Gianni Forte, definiti dalla stampa i due enfants terribles della nuova scena italiana.

Viaggio al termine della notte

Dal 7 al 19 febbraio. Elio Germano ripercorre alcuni frammenti dell’opera di uno dei più incomodi scrittori francesi del 900, Céline, con la musica dal vivo di Teho Teardo e il violoncello di Martina Bertoni. Una serie di eventi sonori spingono la voce dell’attore oltre la sua dimensione tradizionale: voce che s’incarna così in Bardamu, disperato protagonista del romanzo, secondo cui “viaggiare è proprio utile, fa lavorare l’immaginazione. Tutto il resto è delusione e fatica”.

TOP