Andrea Dispenza

Articoli di Andrea Dispenza

Martedì, 19 Febbraio 2013 20:04

C come Chanel - Teatro Franco Parenti (Milano)

Dal 5 al 17 febbraio. Milena Vukotic si confronta con la figura leggendaria di Coco Chanel che ha attraversato quasi un secolo di storia dal dramma della Prima guerra mondiale agli anni ruggenti, al periodo oscuro dell’Occupazione. Non un racconto biografico, ma un mosaico raffinato, scritto dalla giovane autrice Valeria Moretti e interpretato con David Sebasti, per ricreare l’identità di Gabrielle detta “Coco” e insieme quella di un mondo, del quale Chanel era protagonista, in cui riecheggiano i nomi di Cocteau, Stravinskij, Picasso.

Sabato, 26 Gennaio 2013 10:12

Qui e Ora - Teatro Franco Parenti (Milano)

Dal 23 gennaio al 3 febbraio. Fra grottesco, malinconia e ironia "Qui e Ora" comincia con un incidente appena avvenuto in una strada secondaria di un’isolata periferia romana, completamente deserta, senza passanti, né case. Un incidente spettacolare: a terra, a pochi metri l’uno dall’altro, due uomini sulla quarantina. Valerio Mastandrea, leone da palcoscenico, diverte e fa riflettere allo stesso tempo.

Mercoledì, 12 Dicembre 2012 17:37

Alice Underground - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Dal 3 al 31 dicembre. Con la giusta quantità di immaginazione la coppia Bruni e Frongia insegue il coniglio bianco in un paese delle meraviglie e di incubi deliziosi. Viaggiano assieme al Signor Spazio e al Signor Tempo e danno vita alla loro fantasia contagiata dalle follie racchiuse nei romanzi di Carroll, a tempo di nostalgici stacchetti al pianoforte. Trecento acquerelli dipinti da Bruni diventano un film animato da Frongia che avvolge completamente le avventure di Alice tra il Brucaliffo, la Regina di Cuori e il Cappellaio Matto ma anche tra le musiche dei Beatles e dei Rolling Stones.

Quelle due

12 novembre. Il festival ‘Illecite Visioni’, kermesse milanese di teatro dedicata interamente a tematiche GLBT, si conclude con Quelle due ovvero la calunnia di Luciano Melchionna, opera di Lilian Hellman già celebrata al cinema in un film del 1961 con Audrey Hepburn. Cult della letteratura umanamente scandalistica che negli anni Trenta fece tremare le tempie al puritanesimo del New England, si sviluppa attorno al comportamento, intollerabile per quei tempi e per quei costumi, di due maestre che vengono accusate di intimità tra loro da una ragazzina perfida e viziata, con un’intera comunità che si allarma e reagisce. Le speranze spezzate di due giovani donne, la loro dignità e la loro onestà, morale e intellettuale, calpestate e messe alla berlina per una loro presunta omosessualità.

Pippo Delbono

11 novembre. Terzo appuntamento con il festival ‘Illecite Visioni’, kermesse milanese di teatro dedicata interamente a tematiche GLBT con la direzione artistica di Mario Cervio Gualersi, giornalista, critico e studioso di teatro omosessuale. Tra gli spettacoli in cartellone anche Racconti di giugno di Pippo Delbono: un’anticipazione del progetto che sarà presentato al Piccolo Teatro di Milano nella stagione 2013/2014. “Una sorta di diario di bordo, un’introspezione sul senso nascosto delle relazioni (…) le coincidenze (tante) nel mese di giugno, il mese in cui sono nato”, questo a sentire il protagonista.

La febbre del sabato sera

Dal 18 ottobre al 27 gennaio. Dopo una settimana di ‘duro’ lavoro il memorabile Tony Manero (come dimenticarsi John Travolta) indossa i pantaloni bianchi a zampa e le scarpe con la zeppa e si prepara per avere la febbre del sabato sera. Re della pista da ballo, assieme a Stephanie vuole tentare il difficile passo verso le luci di Manhattan e… beh, come finisce lo sanno tutti. Il musical è tratto da un film leggendario e ora a Milano, a fare da colonna sonora, alcune rivisitazioni di Stayin’ Alive, Night Fever e You should be dancing tutte da ballare.

Alessandro Pazzi

Alessandro Pazzi si diploma attore alla Paolo Grassi di Milano e lavora in teatro con nomi di grande prestigio: Elio de Capitani, Ferdinando Bruni, Gabriele Lavia, Ottavia Piccolo e tanti altri. Dal 2006 fonda Ossigeno Teatro, Associazione culturale per la quale scrive e dirige spettacoli che debuttano al Teatro Stabile di Brescia, Teatro i, Teatro della Cooperativa, Teatro Verga, Teatro Oscar, Teatro San Babila di Milano. Partecipa a numerosi Festival, si occupa di laboratori di teatro per bambini nelle scuole, insegna recitazione agli adulti ma soprattutto porta avanti il suo grande amore per i classici. L’abbiamo incontrato in occasione della prima de “Il Grande Inquisitore” a Milano.

Sabato, 13 Ottobre 2012 22:33

Rosso - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Rosso

Dal 10 al 28 ottobre. Inedito in Italia prima di questo allestimento, vincitore di 6 Tony Award nel 2010, “Rosso” è un capolavoro di John Logan, sconosciuto sui palcoscenici italiani ma noto come sceneggiatore di molti film hollywoodiani: “The Aviator” e “Hugo Cabret” di Scorsese,  “Sweeney Todd” di Tim Burton, fino a “Lincoln” di Steven Spielberg. La pièce è ispirata alla biografia del pittore americano Mark Rothko, un uomo ambizioso, egocentrico e vulnerabile per il quale "la pittura è quasi interamente pensiero. Mettere il colore sulla tela corrisponde al dieci per cento del lavoro - sostiene - il resto è attesa".

Filippo Timi

Dal 18 al 20 luglio. L’elegante Verona divisa dalla guerra tra Montecchi e Capuleti non c’è più. Al suo posto, orsacchiotti, palloncini e cuori: una cartolina di San Valentino, un ballo in maschera, un amore al Luna Park. Qui si svolge “la famosa storia di du giovani innamorati in volgare perugino”. Il dialetto, una mescolanza di umbro, perugino e napoletano, si impossessa dei personaggi, li sradica e li ridisegna, abbandona ogni formalismo per concedersi completamente alla vita e alle sue contraddizioni. Così Filippo Timi racconta la storia d’amore più famosa del mondo.

Venerdì, 13 Luglio 2012 18:59

Amleto² - Teatro Franco Parenti (Milano)

Amleto

Dal 10 al 15 luglio. Filippo Timi presenta una nuova edizione di Amleto: una rilettura dove ogni gesto o parola diventa gioco e voce personale, provocazione intelligente, “helzapoppin” ad alta gradazione di divertimento. Un Amleto spiazzante, comico, furibondo, folle e colorato. Di fronte alla tragedia lo spettatore ha solo due possibilità di scelta: soccombere o esplodere nel massimo della vitalità.

TOP