Andrea Dispenza

Articoli di Andrea Dispenza

L’ultima volta che ho visto Giulia Luzi è stato in occasione dell’uscita dei suoi progetti musicali, Un abbraccio al sole e poi Viversi in un attimo. “Voglio che la gente tiri giù il finestrino della macchina e che con le mie canzoni canti a squarciagola”, mi confessava. Adesso la rivedo splendente come quel sole che abbracciava e al fianco del rapper buono Raige (che ha scritto tantissime canzoni che non l’avresti detto mai, tra cui Il mestiere della vita, la canzone che regala il titolo al nuovo album di Tiziano Ferro). Incontro i due tra una prova e un’emozione - non da poco - a poche ore dalla loro esibizione sul palco di Sanremo.

Gilet a pois, barba un po’ hipster, un Universo da cantare. Si tratta di Francesco Guasti, in gara a Sanremo con Universo, appunto, tra le nuove proposte con la storia di un bambino che non rinuncia ai sogni, almeno così è nel video della sua canzone.

La vita e la felicità di Michele Bravi, come recita il suo singolo d’esordio di qualche anno fa. La sua vita e la sua felicità ora sono tutte a Sanremo: Michele infatti è in gara tra i big del Festival con Il diario degli errori e con lo zampino, nella scrittura, di Alfredo Rapetti Mogol (il figlio di Mogol).

Segnatevi questo nome: Tommaso Pini. Canta le Cose che danno ansia (#cosechedannoansia sarà anche il titolo del cd), gira con un camper che ricorda continuamente che ci sono cose che danno ansia ed è una delle nuove proposte più chiacchierate di questo Sanremo. Un cappello sempre in testa e tanta personalità, di quella di un artista che lo riconosci da lontano. Dove l’abbiamo già visto? A The Voice, anche se il talent non è l’universo più adatto per questo folletto della musica che sembra uscito da chissà quale cartone animato e che è tutto un gesticolare.

L’Incanto di Sanremo comincia di martedì sera e non poteva essere altrimenti, un Incanto, a giudicare dall’ospite della prima serata, Tiziano Ferro. Se di Incanto si tratta, però, l’artista in considerazione - oltre a Ferro - ha un nome e un cognome preciso: Emanuele Dabbono. Musicista, cantante, scrittore di romanzi, co-autore di Incanto, appunto, che già così sembra un traguardo non da poco. Ma è solo l’inizio: con Il Mestiere della Vita, il nuovo album di Ferro, Emanuele scrive e firma con e per Tiziano altri tre singoli: Lento/Veloce (nu soul, elettro, estivo, originalissimo), Valore Assoluto (l’amore assoluto, nella sua espressione letterale massima) e Il Conforto, dolcissimo featuring tra Ferro e Carmen Consoli. L’abbiamo incontrato proprio nella città dei fiori, Sanremo, prima della prima. Ci ha raccontato dell’emozione della sua seconda volta a Sanremo da autore.

Dall’1 al 5 febbraio. Con i giovani attori detenuti del carcere minorile Beccaria diretti da Giuseppe Scutellà, Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare prende il volo verso la libertà. Una meta, in questo caso, più ambita che mai: è un viaggio oltre la situazione contingente, alla fine non così impossibile, possibile anzi proprio grazie al teatro.

Eppure sentire in arrivo una bella novità. Elisa (23 dischi di platino, 1 disco di diamante, 6 dischi d’oro) quest'anno festeggia vent'anni di carriera e si fa in tre. Tre, infatti, sono le anime di tre appuntamenti diversi all'Arena di Verona, che vedono protagonista l'artista di L’anima vola.

Domenica, 22 Gennaio 2017 15:17

Tradimenti - Teatro Manzoni (Milano)

Dal 12 al 29 gennaio. Scritto nel 1978 e ambientato tra Londra e Venezia, “Tradimenti” di Pinter (Nobel 2005) nasce dallo spunto autobiografico della sua lunga relazione extraconiugale. È quella “Tanta voglia di lei” vissuta durate gli anni che hanno segnato le ideologie o che, come il Sessantotto, hanno fatto la storia. Nel mezzo, amori finiti, tradimenti, movimenti guidati dalla sapiente regia di Michele Placido. Protagonisti del triangolo sono Ambra Angiolini, Francesco Scianna e Francesco Biscione, praticamente perfetti.

Il volto di Sebastiano Filocamo sembra dipinto da Caravaggio e la sua intensità è stata la luce di tutta una carriera. Attore e regista da Premio Oscar (con Journey of Hope di Xavier Coller), preteso da Marco Bellocchio o al fianco di Tornatore, Placido, Archibugi e Comencini, Filocamo, ora, torna con uno dei suoi lavori più profondi e che lo vede al fianco, di nuovo, del commovente progetto La Stravaganza Onlus. Di nuovo perché le platee d’Italia si sono commosse già con “Ostinati e Contrari”, spettacolo teatrale in cui attori affetti da disabilità psichiche e fisiche recitavano con disincantato talento la poetica di De André (lo spettacolo colpì anche il Presidente della Repubblica Italiana che decise di premiarlo con una medaglia). “Lottatori - Sguardi Sollevano Vento” è l’atteso ritorno, che ha debuttato lo scorso dicembre al Teatro Argentia di Gorgonzola e che sicuramente rivedremo la prossima stagione. A parlarcene, anzi, a farci rimanere senza parole, è lo stesso Sebastiano.

Giovedì, 10 Novembre 2016 20:26

Vangelo - Piccolo Teatro Strehler (Milano)

Dall’8 al 13 novembre. Pippo Delbono torna con la sua compagnia al Piccolo Teatro Strehler per un Vangelo sulle musiche di Enzo Avitabile sulla memoria di uomini-attori che hanno attraversato una delle guerre più feroci della storia contemporanea. E che si fa dolcissimo, perché frutto di una promessa fatta alla cara madre, in punto di morte.

TOP