Sarà in scena al Teatro Brancaccino, dall’11 al 14 gennaio nell’ambito della rassegna Spazio del Racconto, il nuovo lavoro della compagnia Teatrodilina, “Quasi Natale”. Tre fratelli fanno ritorno nella loro casa di bambini poiché la loro madre deve confessargli un segreto, una ragazza per pura casualità condividerà quei giorni di vicinanza forzata con loro. Mentre fuori nevica, dentro la casa conflitti e confronti sveleranno realtà misteriose, tra slanci e incertezze, passato e presente.

Dal 21 al 26 novembre il Teatro Stabile dell’Umbria ha presentato al Teatro della Pergola di Firenze “L’ora di ricevimento” di Stefano Massini, con Fabrizio Bentivoglio e la regia di Michele Placido. Oltre due ore senza intervallo che ricordano i tempi d’oro del teatro, perché volano senza bisogno di colpi di scena o di grandi apparati scenografici. Delicato e graffiante ad un tempo, dipinge la vita frustrante di un insegnante di periferia che, di fronte a un melting pot senza armonia, scorre uguale da 32 anni: decisamente originale l’impianto e arguto il testo con una grande prova attoriale di Bentivoglio. Una visione che non regala buonismi né esasperazioni ma la difficile quotidianità della diversità in una condizione di fragilità socio-economica. Non c’è redenzione né condanna, forse una “saggia rassegnazione” che diventa una metafora universale della gioventù in periferia, non un quartiere ma una condizione esistenziale.

TOP