Domenica 26 agosto a Civita di Bagnoregio (VT) si apre ufficialmente la XXII edizione del festival internazionale Quartieri dell’Arte, che fino al 24 ottobre invaderà le piazze della Tuscia viterbese con performance, mostre, workshop we installazioni. In scena domenica la prima parte dello spettacolo “And So My Face Became My Scar”. Un progetto ‘ibrido’ e ‘collettivo’ - come è nella cifra specifica del festival diretto da Gian Maria Cervo - firmato da Joele Anastasi (Italia), Rasim Erdem Avsar (Turchia), Emily Gillmor Murphy (Irlanda), Danielle Pearson (Gran Bretagna). L’appuntamento per gli spettatori è dalle ore 20, ai piedi del famoso ponte che porta al borgo.

Dopo 39 edizioni, 377 repliche e oltre 370mila spettatori-clienti, nei teatri e nei luoghi più significativi della tradizione italiana e dei festival internazionali, Dignità Autonome di Prostituzione, il sorprendete spettacolo di Luciano Melchionna scritto a quattro mani con Betta Cianchini, muove verso il suo ritorno a Roma per un evento straordinario a Cinecittà.

Dal 4 al 13 aprile. Sullo sfondo dell’implacabile povertà di prospettive esistenziali e dell’alienazione socio-culturale di una periferia degradata, si dipanano le drammatiche vicende che precipiteranno un microcosmo familiare e i satelliti che vi gravitano attorno in una spirale senza uscita di sofferenza, violenza ed auto-annientamento, sino ad una disgregazione progressiva ed ineluttabile. Neil LaBute con “La distanza da qui” affonda uno sguardo disincantato e provocatorio nel lacerante vuoto di valori della cultura americana, nelle derive ad aberrazioni indotte dalla crescita in un contesto abitativo disagiato in adolescenti completamente abbandonati a loro stessi, privi di aspirazioni, principi e sostegno. Il collettivo Drao - giovane compagine impegnata nella promozione e distribuzione di opere di discipline artistiche eterogenee, animata da intenso entusiasmo, desiderio di sperimentazione e scambio reciproco tra i suoi componenti - magistralmente diretto da Marcello Cotugno, porta in scena nella suggestiva cornice del Teatro Sala Uno uno spaccato di vita realistico e lancinante, attraverso un'opera di drammaturgia contemporanea di rara virulenza ed originalità.

La distanza da qui di Neil LaBute, con la regia di Marcello Cotugno, debutta in prima nazionale a Roma presso il Teatro Sala Uno dal 4 al 13 aprile 2014. Il progetto, prodotto da DRAO - collettivo artistico fondato nel 2013 a Roma da Nicole Calligaris, Alessandro Lui e Elia Bei, il cui focus risiede nella collaborazione e nell’intensità dello scambio tra le varie anime professionali e artistiche che compongono il gruppo è nato con lo scopo di produrre, promuovere e distribuire opere di discipline artistiche differenti - è stato in parte realizzato grazie a una campagna di crowdfunding lanciata su Kapipal, a cui hanno contribuito oltre cinquanta donatori. Il progetto si avvale della partnership di Link Campus e di People Cooks.

TOP