Franco Branciaroli è di nuovo protagonista della storica edizione di “Medea” diretta da Luca Ronconi nel 1996, riallestita da Daniele Salvo. Un doveroso omaggio al grande Maestro scomparso nel 2015 da uno degli artisti che ha lavorato con lui più a lungo e in maggiore vicinanza (basti ricordare spettacoli impressi nella memoria collettiva come La vita è sogno, Prometeo incatenato, Lolita), e un’occasione imperdibile di rivedere una delle pietre miliari della storia registica ed interpretativa del secondo Novecento. E lo spettacolo, che vide Branciaroli nei panni femminili di Medea, è una pietra miliare della storia del teatro nazionale.

Lunedì, 05 Dicembre 2016 20:26

Le Baccanti - Teatro Menotti (Milano)

Dal 16 al 26 novembre al Teatro Menotti di Milano è andato in scena “Le Baccanti”, con la regia di Daniele Salvo, ultima tragedia scritta dal drammaturgo greco Euripide prima della sua morte, nel 407-406 a.C., incentrata sulla figura del dio Dioniso e delle sue seguaci, appunto, le Baccanti.

Dal 13 maggio al 18 giugno. Inaugura la stagione 2016 al Teatro Greco di Siracusa Elettra di Sofocle per la regia di Gabriele Lavia con Federica Di Martino nella parte di Elettra, Maddalena Crippa nelle vesti di Clitemnestra, Jacopo Venturiero nei panni di Oreste e Maurizio Donadoni in quelli di Egisto. Regia possente senza enfasi: misurandosi con il classico Lavia asciuga la partitura, esce di scena, attualizza senza modernizzazioni l’impianto, ed esalta il tema del femminile che in questa tragedia è centrale. Senza cadere nel descrittivismo ne interpreta piuttosto le istanze attuali e fruibili dal pubblico di oggi: un coro al femminile, una battaglia e un sentire tutti al femminile. Una tragedia che Lavia porta tutta nell’interiorità e incornicia in un’interpretazione corale armonica, che regala anche una bellezza estetica sobria ed essenziale. Una regia che coglie il classico nel senso più profondo del termine.

E' andato in scena al Teatro dell’Orologio, in prima nazionale, lo spettacolo "Viaggio verso Itaca", un progetto di Selene Gandini. In scena Caterina Gramaglia, Carlotta Piraino, Alessandra Salamida e Claudia Salvatore, con la regia della stessa Gandini. Ulisse raccontato dalle parole di chi lo ha amato, odiato, atteso e ritrovato. Le donne che l’eroe della guerra di Troia incontra durante il suo lungo cammino si ritrovano su una spiaggia richiamate da un sogno. Protagoniste di un amore passionale, difficile, corrisposto, rifiutato, insieme realizzano un altro viaggio creando una tela rossa, i cui fili vengono intrecciati attraverso un linguaggio creato da parole, suoni, canti e danza.

"Come simbolo della nostra ventisettesima stagione abbiamo pensato ad un cerchio magico ellittico, un vortice, una spirale, uno spazio bianco da riempire, ma anche un occhio! Occhio come sguardo totale e periferico, sguardo al futuro e al passato. Uno sguardo sulla realtà che ci circonda, un occhio che vigila, attento indagatore, specchio dell'anima inteso come animus mundi. Occhio che si accende come un riflettore sul mondo, che svela bellezza e atrocità, fonte di lacrime e stupore e appagamento." Così il direttore artistico Manuela Kustermann ha presentato oggi la ricchissima stagione 2015/2016 del Teatro Vascello.

Mercoledì, 24 Dicembre 2014 12:14

Buona Novella - Tieffe Teatro Menotti (Milano)

Dal 5 al 31 dicembre. Dopo il successo di All'ombra dell'ultimo sole, replicato per ben tre anni, è ancora il mondo di Fabrizio De Andrè a ispirare la nuova produzione, Buona Novella. La doppia essenza di Cristo, mistero profondo e impenetrabile così come la doppia essenza dell’uomo, in lotta tra carne e spirito, tra bene e male. Domande senza risposta, forse, ma domande che hanno attraversato la storia del nostro pianeta, scatenato guerre, costruito pace, ispirato pensatori e artisti di epoche, lingue, culture differenti.

Lunedì, 25 Marzo 2013 18:14

Pioniere - Tieffe Teatro Menotti (Milano)

Mao le definiva ‘l’altra metà del cielo’. E mai definizione fu più azzeccata, nella sua meravigliosa sintesi poetica. Se ancora ci fossero esitazioni, chiariamolo in via definitiva: il teatro è donna. Indubitabilmente donna. Quando capita, poi, di imbattersi in un cast tutto al femminile, la congiuntura astrale è davvero favorevole. Tanto più se le protagoniste sono dei talenti che, nella loro eterogeneità, rappresentano ciascuna a proprio modo il meglio della femminilità. Francesca Gemma, Silvia Giulia Mendola, Valeria Perdonò, Alessandra Salamida, Cinzia Spanò (il progetto ha coinvolto anche la bravissima Vanessa Korn, assente giustificata la sera della Prima): se il buongiorno si vede dal mattino, queste ragazze stanno partendo decisamente col piede teatrale giusto.

TOP